Home Groane Trasporto pubblico, i sindaci scrivono in Regione per bloccare i tagli

Trasporto pubblico, i sindaci scrivono in Regione per bloccare i tagli

407
15

SOLARO/RESCALDINA – Ottantadue sindaci della Città Metropolitana di Milano hanno firmato una lettera indirizzata all’assessore regionale ai Trasporti e Mobilità, Claudia Terzi per sensibilizzare la Regione sui tagli previsti al servizio pubblico. Tra questi il sindaco di Solaro Nilde Moretti ed il sindaco di Rescaldina Gilles Ielo. L’iniziativa bipartisan, che ha unito amministratori del centrosinistra, civici e del centrodestra, è la conseguenza dei tagli alle risorse destinate all’Agenzia del Trasporto pubblico, da parte della giunta regionale. Già a partire dal 2020, infatti, la riduzione di risorse è di circa 3,4 milioni che arriveranno a 17,8 nel 2025. I sindaci esprimono preoccupazione per la riduzione dei fondi, che avrà come effetto immediato quello di tagli e, in prospettiva futura, mette a rischio l’obiettivo dell’Agenzia per la Mobilità di realizzare l’aumento previsto (in media del 17%) dei servizi erogati in tutta la Città Metropolitana. La richiesta, rivolta all’assessore Terzi e a tutta la giunta regionale, è quella di intervenire al più presto per scongiurare una riduzione delle corse, le cui conseguenze sarebbero pagate dai pendolari che ogni giorno si spostano per motivi di studio o lavoro.

«Mentre il Governo conferma le risorse sul trasporto pubblico locale e annuncia investimenti ad hoc per le Regioni, finalizzati all’acquisto di bus ecologici, la Lombardia colpisce Milano Metropolitana con un pesante taglio di oltre 3 milioni di euro. Tagli di risorse come questi non rispondono ai bisogni di migliaia di pendolari che chiedono un aumento e miglioramento dell’offerta dei trasporti, e non certo una diminuzione. L’impegno e le scelte dell’amministrazione comunale di Milano e dei sindaci della Città Metropolitana perseguono l’obiettivo di favorire l’utilizzo dei mezzi pubblici e diminuire invece l’uso dell’auto privata, nell’ottica di migliorare la sostenibilità, la qualità dell’aria e della vita dei cittadini. Il Sindaco Francesco Vassallo si augura che l’appello di 82 sindaci possa convincere la Giunta a tornare sui suoi passi ed evitare che a pagare le conseguenza di questa scelta siano, ancora una volta, i pendolari».

22012020

15 Commenti

  1. Beh bravi dai…
    A dicembre hanno provato a tagliare il fondo per i disabili.
    Oggi il trasporto pubblico, che e’ un bel modo per far aumentare inquinamento e disagi vari.

    Regione spendete meglio i nostri soldi, o fate pagare le tasse ai furbi e ladri!

  2. Hanno ragione già il comune di Milano fa cassa con area b e area c dopo aver aumentato il costo dei biglietti dei mezzi pubblici ora anche la Regione diminuisce i contributi, sono proprio tutti uguali!

    • Area B e Area C hanno lo scopo di ridurre le emissioni dei veicoli più inquinanti, e direi finalmente qualcuno l’ha fatto anche in Italia!
      Propaganda come al solito, ma preferisco chi fa le cose.
      L’aumento sarebbe stato fatto da chiunque, l’importante è farli funzionare e spero che con le nuove linee finalmente anche Milano avrà una capillarità a livello di metropolitana.

  3. Capperi Beppe Sala colpa tua anche stavolta!!! Cattivone

    Attendo con ansia Monti e la consueta arrampicata su specchi insaponati…. ma è per il popolo e le nostre tradizioni tranquilli!

  4. Talmente interessanti che il comune di Solaro ha fatto sopprimere alcune fermate dei bus….solo politica e basta!

    • È lo stesso Comune che chiede incontro al Prefetto per emergenza droga e poi non si presenta.

      • Ormai il bluf è stato scoperto, fanno solo cose di facciata solo 8 mesi di continua campagna elettorale, sanno di essere vicini alla caduta della giunta!

      • La cosa più assurda è che il solito assessore fa una relazione dell’incontro sul sentito dire visto che non vi ha partecipato.
        Ma chi abbiamo votato!

Comments are closed.