SARONNO – “L’energia della stupidità non ha limiti. Deve essere per questo che domenica sono stati distrutti i totem e le colonnine di ricarica delle auto elettriche presenti nel parcheggio di piazza Mercanti. Chi lo ha fatto deve essere un fine teorico della idiozia come generatore di potenza. Distruttiva, purtroppo”.

Inizia così la nota di Obiettivo Saronno in merito al raid vandalico messo a segno nella notte tra sabato e domenica nello spazio appena diventato a pagamento per i “non saronnesi”.

“Piazza Mercanti è solo l’ultimo segno più tangibile, visto che sono state divelte delle infrastrutture e persino gettate delle transenne sui binari della ferrovia vicina, con tutti i rischi per la circolazione dei treni che sarebbero potuti deragliare.

Nella realtà sono quotidiani gli episodi di inciviltà o addirittura violenza che costellano la nostra città. Da quanti anni il quartiere Matteotti è il simbolo del degrado e dell’abbandono, come se non facesse parte di Saronno?

Ma non è necessario andare in periferia, per vedere l’abbrutimento della civiltà e il deterioramento della nostra città e delle sue istituzioni. Talvolta basta visitare i nostri parchi pubblici o avventurarsi alla sera nelle vie lasciate deserte dalla gente per la paura.

È la cittadinanza stessa, non solo Obiettivo Saronno, che anche via internet denuncia quotidianamente episodi di squallore e incuria. C’è da chiedersi come mai, vista la vita molto social di tanti membri della giunta, sindaco e assessori non abbiano mai voluto prendere in mano la situazione. E quando c’è stata una risposta, è stata solo per negare l’evidenza.

Siamo convinti che il degrado porti degrado e che la bellezza porti bellezza e sicurezza. Sicurezza significa per noi rendere Saronno più attrattiva, in modo che sia maggiormente frequentata durante tutto l’arco della giornata; significa dare vita a tutti gli spazi, comprese le numerose aree dismesse facendo si che tornino a rinascere ospitando attività di interesse per i cittadini. Sicurezza significa per noi creare rapporti di collaborazione e intesa con chi Saronno la abita, affinché ognuno si senta parte attiva della città, la ami e la rispetti e contribuisca, così, a renderla sempre più bella.
Per assicurarci che Saronno sia così, innovativa, Smart e sicura, ci vogliono progetti lungimiranti, controllo costante del territorio, sensibilità alle esigenze dei cittadini e prevenzione.

Ripensando al paradosso della stupidità con cui abbiamo iniziato questo comunicato, non si sa se sia più colpevole chi compie atti vandalici o chi non fa nulla per prevenirli.

Einstein, l’uomo che ha dato un’anima all’energia, diceva: “Due cose sono infinite: l’universo e la stupidità umana, ma riguardo l’universo ho ancora dei dubbi”. Probabilmente doveva essere passato da Saronno.

17022020

7 Commenti

  1. eh sì, perché alle tre del mattino la città sarebbe viva, con quali iniziative? notte bianca tutto l’anno?

  2. Se siete bravi a governare come a scrivere i comunicati stampa, vi voto!
    Meglio di Gramellini!!!

  3. Quindi è stato sindaco a buttare la transenna sui binari. Che stupido che sono, pensavo fossero stati gli anarchici

  4. ” non si sa se sia più colpevole chi compie atti vandalici o chi non fa nulla per prevenirli ”
    attenzione , questa frase è un atto vandalico contro il buon senso !

Comments are closed.