SARONNO / BUSTO ARSIZIO – Lutto negli ospedali Asst Valle Olona. E’ morto ieri pomeriggio il professor Renato Bombelli, ortopedico e traumatologo di fama internazionale, 97 anni, legnanese, che ha portato il nome dell’ospedale di Busto Arsizio in tutto il mondo grazie agli studi biomeccanici e alle tecniche chirurgiche innovative per la coxartrosi e altre patologie dell’anca. La sua scuola è continuata nel solco dell’innovazione grazie al suo allievo, il dottor Marco Merlo, direttore dell’unità operativa di Ortopedia e traumatologia dell’ospedale bustese.

Il professor Bombelli, primario dal 1960 al 1992 della Divisione di Ortopedia e traumatologia dell’ospedale di Busto Arsizio, è stato un pioniere della chirurgia dell’anca – ricorda – Era conosciuto in tutto il mondo per l’intervento di osteotomia di valgo-estensione (resezione del femore e ri-orientamento della testa femorale) e per l’artroprotesi isoelastica (costituita da materiali con elasticità simile all’osso). Chirurghi dai cinque continenti, come testimonia il libro degli ospiti ancora conservato in sala operatoria, vennero a Busto per imparare le nuove tecniche, applicandole poi nei loro Paesi”.

“La direzione Asst Valle Olona, al quale fa capo anche l’ospedale di Saronno, fa suo il ricordo e il dolore per la scomparsa di un medico che tanto ha dato al suo ospedale, esprimendo vicinanza affettuosa ai figli Paola, Vittorio e Marco” si legge in una nota dell’ente ospedaliero. I funerali saranno domani alle 14, nella chiesa di Santa Maria delle Grazie a Legnano.

18022020