MOZZATE – Un educatore del varesotto, residente a Mozzate, è stato arrestato dalla polizia postale: nel computer aveva poco meno di 1000 files dal contenuto pedopornografico. Si tratta di un quarantenne, del quale non sono state rese note le generalità; e comunque volto sinora del tutto sconosciuto alla legge.

Il comasco è stato bloccato nei giorni scorsi dagli agenti della polizia postale, anche se la notizia si è diffusa ora: a metterlo nei guai sono state proprio le indagini degli agenti specializzati nelle “comunicazioni”, che sono riusciti a tenere sotto “osservazione” il suo pc, trovando così gli elementi che provassero la sua attività. L’uomo è stato trasferito nel carcere del “Bassone” di Como a disposizione dell’autorità giudiziaria e per gli interrogatori. I tutori dell’ordine hanno anche sequestrato il suo personal computer per “scandagliarne” il contenuto e compiere tutti gli accertamenti del caso, anche sulla provenienza e sui “protagonisti” dei filmati che si trovavano nell’hard disc.

29022020

1 commento

Comments are closed.