SARONNO – Sport in Lombardia: sino all’8 marzo si potrà giocare ma a porte chiuse. E’ quanto prevede una bozza del decreto del Governo per fronteggiare la diffusione del Coronavirus. Dunque, se passerà questa linea, le partite potranno essere giocate ma senza pubblica, solo a porte chiuse e con divieto di trasferta ai tifosi di Lombardia, Emilia Romagna e Veneto al di fuori della regioni di residenza e dunque nel resto d’Italia.

Per quanto riguarda il Saronnese, se la bozza del decreto dovesse essere confermata, domenica 8 marzo in serie D potrà tenersi Fezzanese-Caronnese; e potrà essere giocata in Prima categoria la sfida di vertice Guanzatese-Fbc Saronno, tanto per citarne alcune. Nella serie B del volley sabato 7 il palasport “Dozio” di via Biffi aprirebbe i battenti ma solo agli addetti ai lavori per Saronno-Ciriè, e la Rossella Caronno giochebbe a Cuorgnè in Piemonte contro i locali dell’Alto Canavese. Nel basket serie C Gold maschile sabato 7 è prevista, e si terrebbe nella insolita cornice di un Palaronchi deserto, Imo Robur Saronno-Fortitudo Busnago mntre il Basket Rovlelo giocherebbe a Gazzada. Le scelte definitive, ovvero se fare giocare a porte chiuse oppure rinviare, spettano comunque alle singole federazioni che, c’è da attenderlo, nella mattinata di lunedì si esprimeranno al riguardo.

01032020

1 commento

  1. Il decreto pubblicato non prevede questa possibilità in Lombardia: attenzione ad interpretazioni bislacche…

Comments are closed.