SARONNO – Le notizie principali di ieri sull’emergenza coronavirus nella zona, dal ritorno a casa di don Franco alla “tenuta” del Varesotto: un martedì a Saronno si è aperto con stazione ferroviaria centrale completamente deserta.

e poi con vie centrali altrettanto spettrali, con tanti negozi ed attività che hanno deciso spontaneamente di chiudere, per dare un contributo al contenimento della diffusione del virus, ed anche per la mancanza di clienti.

Coronavirus: le immagini di una Saronno città fantasma. Chiusi molti negozi

La giornata è stata caratterizzata anche dal dibattito sul mercato del mercoledì mattina: farlo o non farlo? Alla fine il sindaco Alessandro Fagioli ha deciso per il sì.

Coronavirus, lettera di Fagioli ai saronnesi: “Ecco perchè domani ci sarà il mercato”

Fine di giornata con tre buone notizie. Il ritorno a casa del parroco di Caronno Pertusella, don Franco Santambrogio, guarito dal coronavirus.

Coronavirus: a Caronno Pertusella don Franco è tornato a casa. Guarito

E la “tenuta” del Varesotto che a fronte di numeri ben diversi in altri località della Lombardia, segna “solo” un +6 di contagi.

Coronavirus, il Varesotto “tiene”: oggi solo +6 casi, si è arrivati a 50

Mentre è stato trovato un test rapido per diagnosticare il coronavirus, l’ha realizzato dal Diasorin, multinazionale che ha una sede anche all’interno dell’Insubria’s biopark di Gerenzano.

Coronavirus, test rapido trovato da DiaSorin, multinazionale con laboratorio a Gerenzano

11032020

1 commento

  1. È scandaloso che oggi sia stato autorizzato il mercato a Saronno.
    Era stato bloccato due settimane fa, quando non vi era ancora evidenza della gravità incombente. Oggi , maggiormente coscienti della realtà incombente, il “nostro” sindaco apre al momento di maggior aggregazione di persone della nostra città.
    Complimentoni!
    NON CI SONO PAROLE.

Comments are closed.