SARONNO – E’ stata protocollata stamattina la missiva firmata dalle rappresentanze sindacali del comune di Saronno per chiedere al sindaco Alessandro Fagioli e al segretario generale Vittorio Carrara la piena applicazione del protocollo delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del coronavirus.

Il comune lavora da una settimana con accessi contingentati a gruppi di venti e ha chiuso fino a venerdì l’ufficio lavori pubblichi dopo che alcuni dipendenti si erano ammalati di quello che secondo la prima indagine dell’Ats era un problema non riconducibile al Coronavirus.

Oggi le rappresentanze chiedono che in Municipio ci applichino “con la massima urgenza” tutte le misure previste dal protocollo sottoscritto da governo e parti sociali lo scorso 14 marzo. 

Tra le varie misure si chiede che vengano assicurati piani di turnazione e favorito lo smartworking e che si possa accedere alla struttura solo previo controllo della temperatura “accertamento che stamattina non si è verificato”. E concludono “alla luce di nuovi casi di malattia rinnoviamo inoltre la richiesta di chiusura dei servizi non essenziali“.

16032020

8 Commenti

  1. Quando il Sindaco esce dal suo castello di “silenzio” e ci informa un pò della situazione in corso?
    Le stiamo così antipatici?

  2. “secondo la prima indagine…” nel senso che sono andati a naso o hanno fatto i tamponi?
    E i nuovi “ammalati”?
    Info ufficiali per i cittadini???

  3. Perché non ci dicono quanti sono i contagi?? perché non ci informano ?perché di tutti gli altri paesi si sa e di Saronno non si sa nulla?

Comments are closed.