MISINTO – “Se ho l’obbligo di non uscire dal comune ma nel mio comune non c’è un supermercato cosa devo fare?”.
Sono moltissimi, in tutta Italia, a chiederselo. Dopo essersi confrontato con il Prefetto, a loro fornisce una risposta Matteo Piuri, sindaco di Misinto.

Il più recente decreto per contrastare la propagazione del contagio da coronavirus contiene, tra le varie misure, il divieto di uscita dal territorio comunale. In tutta Italia sono tuttavia moltissimi i comuni che sul proprio territorio non presentano attività quali supermercati e, in casi normali, afferiscono a strutture di vendita ubicate entro i confini di comuni o persino di altre province. Tra questi comuni c’è anche Misinto e la preoccupazione per l’approvvigionamento di generi alimentari e non si è diffusa tra i cittadini.

A sciogliere ogni dubbio è direttamente il sindaco, Matteo Piuri, che dalla propria pagina Facebook fa sapere ai cittadini:

“Cari vittadini,

ho appena ricevuto comunicazione dalla Prefettura di Monza e della Brianza con i chiarimenti in merito all’adozione del decreto ministeriale del 22 marzo 2020.

Si fa presente che gli approvvigionamenti di beni di prima necessità sono considerati indispensabili, quindi se nel proprio Comune non sono disponibili, si deve ritenere necessario lo spostamento verso un comune limitrofo (territorialmente confinante – Lazzate, Rovellasca, Rovello Porro, Cogliate, Barlassina, Lentate Sul Seveso) al fine di poter far fronte a tali bisogni.

Il sindaco
Matteo Piuri”

(foto archivio)

23032020

Comments are closed.