SARONNO / SOLARO / MILANO – Via l’amianto dalle scuole della Lombardia grazie al bando da 5 milioni di euro approvato dalla Giunta regionale su proposta dell’assessore all’Istruzione, formazione e lavoro, Melania Rizzoli, e di cui sono stati pubblicati gli esiti sul Bollettino Ufficiale della Regione Lombardia. “Attraverso questa misura – ha spiegato l’assessore Rizzoli – realizzeremo interventi puntuali che ci permetteranno anche di disporre di un dettagliato quadro regionale e di conoscere le criticità da affrontare con priorità assoluta. Il nostro obiettivo è eliminare l’amianto all’interno degli edifici scolastici di proprietà pubblica presenti sul territorio regionale”. Fra gli interventi finanziati, alcuni riguarderanno plessi scolastici di Solaro e Saronno.

“Regione Lombardia – ha rimarcato l’assessore Rizzoli – è tra le prime in Italia ad effettuare una ricognizione così capillare della presenza di amianto negli edifici scolastici. I 5 milioni della dotazione finanziaria del bando #amiantozero sono ripartiti in 2,5 milioni sull’esercizio finanziario 2020 e altrettanti sull’esercizio finanziario 2021. Alla data di scadenza di presentazione delle domande sono pervenute 44 domande per una richiesta complessiva di contributi pari a euro 4.988.000 euro. In particolare, i contributi regionali, per un massimo di 500.000 euro a progetto, sono stati erogati ai Comuni con popolazione superiore a 5.000 abitanti e Province (con finanziamento fino al 50% della spesa ammessa) e ai Comuni con popolazione inferiori ai 5.000 abitanti e Comunità montane (fino al 90% della spesa ammessa).

“I Comuni hanno risposto in maniera esemplare – ha commentato l’assessore Rizzoli – e siamo riusciti a soddisfare tutte le richieste presentate. Ringrazio il Consiglio regionale che ha condiviso il percorso del bando e, in precedenza, aveva approvato all’unanimità questo provvedimento”. Al bando hanno partecipato Enti locali e altri soggetti pubblici proprietari di poli per l’infanzia, scuole dell’infanzia statali e comunali, scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado, abilitati all’Anagrafe regionale dell’edilizia scolastica.

29032020