SARONNO – Cena “da ristorante” o una pizza fumante ed appena fatta, anche in questo periodo di lockdown ed emergenza coronavirus è possibile servirsi, anzi farsi servire un bel pasto caldo a casa, senza cucinare. Grazie a diversi ristoranti e pizzerie locali che poi consegna a domicilio dei clienti tramite i servizi esistenti sul territorio.

Oggi, domenica, abbiamo provato a “sbirciare” su Just eat, servizio molto popolare anche in città, e sia su app che su telefonino.

Pizzerie – per le pizze, l’offerta odierna serale è di moltissimi locali (di Saronno ed immediato circondario e che consegnano a Saronno) a disposizone, da “Saronno pizza kebab”, a “Il boss del kebab”, e poi “Santa Maria 2”, “Tom & Jerry”, “Pizzeria Taormina artigiani siciliani”, “Pizzeria Famosa”, “Pizzeria Hurgada”, “Pizzeria La Favola”. Ci sono anche “Pizza in 2″, Pizzeria Gran Gallo”, “Non solo pizza”, “Pizzeria d’asporto Saronno”, “Ca dul vegiu”, “Pulcinella Rovello”, “La teglia 3”. Alcuni propongono anche kebab, hamburger, antipastini e piatti italiani.

Cucina orientale – A disposizione Izumi con un menù che concilia cucina cinese e giapponese.

Come usufruire del servizio? – Basta collegarsi alla pagina di Just eat o scaricare la relativa app e seguire le istruzioni. Si paga con Paypal o la carta di credito o debito.

05042020

4 Commenti

  1. Cucina cinese? Pizza al kebab? Ma anche no, grazie!
    Dieta mediterranea da oltre un mese e per sempre, fossero anche due spaghi aglio e olio, in attesa di tempi migliori quando mamma farà lasagne e parmigiana.
    Il dopo corona virus sarà, quando sarà, solo ristoranti e pizzerie rigorosamente italiani.
    Difendiamo tutti il made in Italy i prodotti agroalimentari locali per la ripresa economica del nostro paese.
    Grazie.

    • Ma una domanda: il kebabbaro della stazione di Saronno, che paga un affitto o un mutuo a Saronno, che paga tasse bollette addizionali utenze fornitori nel nostro stato come NON dovrebbe contribuire all’economia del Paese?

      Comunque sia, non detengo la verità e potresti avere ragione tu. E potrebbero avere ragione tutti i tuoi omologhi negli altri stati: se in tutto il mondo smettessero di mangiare, vestire, comprare italiano “per la ripresa economica del loro paese”?

Comments are closed.