MILANO – “La Lombardia guarda avanti a una “nuova normalità” facendo tesoro delle importanti lezioni apprese da questa pandemia: è globale (New York, Londra, Madrid), il sistema sanitario ha dato una riposta eccezionale ma va ripensato”. Lo ha detto l’assessore regionale al Bilancio, finanza e semplificazione Davide Caparini intervenuto alla diretta Facebook trasmessa ieri pomeriggio dalla pagina di Lombardia notizie online.

“Abbiamo imparato – ha continuato Caparini – che con i nostri comportamenti possiamo controllare la diffusione del virus e ciò che facciamo oggi ha ripercussioni importanti per domani. La Lombardia chiederà al Governo di dare il via libera alle attività produttive nel rispetto delle “quattro D”: Distanza (un metro di sicurezza tra le persone), Dispositivi (ovvero obbligo di mascherina per tutti), Digitalizzazione (obbligo di ‘smart working’ per le attività che lo possono prevedere) e Diagnosi; dal 21 aprile inizieranno i test sierologici grazie agli studi in collaborazione con il San Matteo di Pavia”. “Le indicazioni sanitarie saranno da cornice – ha proseguito – nella definizione delle nuove relazioni economiche e sociali”.

16042020

1 commento

  1. il sistema sanitario ha dato una riposta eccezionale ma va ripensato…..una Caporetto sulla quale sta gia’ indagando la magistratura. Prima chiudono librerie e cartolerie, poi pur essendo leader nel numero di morti in rapporto alla popolazione in nome di 4d vogliono riaprire tutto. Questa non e’ pandemia ma un incubo, un incrocio tra La fattoria degli animali e 1984

Comments are closed.