MILANO – “La Lombardia guarda avanti e progetta la “nuova normalità” all’insegna della prevenzione, della cura e della programmazione. Dal 4 maggio, la Regione chiederà al Governo di dare il via libera alle attività produttive nel rispetto delle “Quattro D”: distanza (un metro di sicurezza tra le persone), dispositivi (ovvero obbligo di mascherina per tutti), digitalizzazione (obbligo di smart working per le attività che lo possono prevedere) e diagnosi (dal 21 aprile inizieranno i test sierologici grazie agli studi in collaborazione con il San Matteo di Pavia)”. Lo comunica in una nota la Regione Lombardia.

“Tutto questo – prosegue la nota – sarà accompagnato da un piano per riaprire in orario scaglionato uffici e aziende e, successivamente, scuole e università. Un esempio della “nuova normalità” saranno le aperture delle attività scaglionate e sull’arco di tutta la settimana per evitare il sovraffollamento dei mezzi pubblici. Facendo tesoro della prima fase della pandemia, l’ospedale straordinario alla Fiera di Milano (che è costato zero euro pubblici) diventerà il presidio che veglierà sulla salute dei lombardi come una vera e propria assicurazione contro il sovraffollamento delle altre strutture regionali”.

“A queste strategie – conclude nota regionale – si accompagnano altri provvedimenti, su cui Regione Lombardia sta giocando un ruolo da protagonista: cassa integrazione con garanzia della Regione, piano di sostegno per piccole e medie imprese (sul tavolo c’è un pacchetto di facilitazioni per l’accesso al credito, con la possibilità di mobilitare risorse fino a un miliardo), provvedimenti a beneficio del personale sanitario (stabilizzazione e bonus economico con almeno 80 milioni di Regione Lombardia in aggiunta ai fondi del governo)”. “E’ la via lombarda alla libertà” dice il presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana.

16042020

2 Commenti

  1. Dunque 72 ore fa era un pericolo mortale riaprire le librerie, oggi siamo in mood “apriamo, facciamo” ecc.
    Governatore fossi in lei, con quello che sta uscendo della “gestione Lombarda”, la smetterei con le fughe in avanti e mi limiterei ad un lavoro collaborativo e serio con il Governo.

  2. Certo, anche la libertà di fare scelte sbagliate e quindi di avere numeri impossibili di contagiati e decessi. Ma stavolta la pentola è stata scoperchiato, la propaganda non basterà più.

Comments are closed.