MILANO – “Come ho denunciato già l’altro giorno scrivendo anche al Prefetto per metterlo al corrente, il 25 aprile i centri sociali hanno mantenuto quanto avevano preannunciato nei giorni scorsi in un volantino pubblicato su Facebook e sono scesi in strada in manifestazioni non autorizzate, finite in scontri con le forze dell’ordine”. Lo denuncia l’assessore regionale alla Sicurezza, immigrazione e polizia locale Riccardo De Corato, commentando i due cortei che si sono svolti in mattinata a Milano. Il primo, in via Ascanio Sforza, si e’ conclus  con il fermo di una ventina di giovani impegnati in una “passeggiata partigiana”; il secondo in una via limitrofa a via Padova, gli attivisti del centro sociale si sono scontrati con i poliziotti intervenuti. “Non si puo’ dire, in questo caso, che manchi la volonta’ di compiere un reato – prosegue l’assessore De Corato – visto che le iniziative che si sono svolte in mattinata erano state annunciate da tempo”.

“Ora mi auguro che gli antagonisti che sono stati fermati –
conclude De Corato – non la facciano franca e vengano denunciati e multati per la violazione delle norme previste contro la diffusione del Covid-19, cosi’ come accade a chiunque non rispetti i divieti di assembramento. E che quelli che si sono opposti agli agenti, con colluttazioni, vengano arrestati per resistenza a pubblico ufficiale, come prevede l’articolo 337 del codice penale”.

(foto archivio: precedente manifestazione degli antagonisti)

26042020