Home Città Saronno, il primo consiglio comunale in video-conferenza: diretta

Saronno, il primo consiglio comunale in video-conferenza: diretta

832
12

SARONNO – Mercoledì 29 aprile alle 20.30, con prosecuzione il giorno seguente, giovedì 30 aprile sempre alle 20.30, si terrà il consiglio comunale che, per la prima volta, si svolgerà in videoconferenza. Qui la diretta de ilSaronno

Ecco l’ordine del giorno

1. Comunicazione di deliberazioni adottate dalla Giunta Comunale.
2. Approvazione verbali precedenti sedute consiliari.
3. Ratifica della deliberazione di G.C. n.55 del 31.3.2020 avente all’oggetto: Emergenza sanitaria Covid-19. Variazione al bilancio di previsione 2020/2022. 1° provvedimento.
4. Ulteriore proroga del contratto di servizio tra il Comune di Saronno e la Società Saronno Servizi SpA per lo svolgimento dei servizi di accertamento, riscossione e liquidazione dei propri tributi e delle entrate patrimoniali.
5. Piano Attuativo in variante al PGT Ambito ARU2 (via Volta/via Don Bellavita). Adozione.
6. Piano Integrato di intervento in variante al PGT Ambito ATUb9 (via San Francesco-via Sabotino). Adozione.
7. Variante parziale al Piano di Governo del Territorio vigente, ai sensi e per gli effetti dell’art. 13 della L.R. 12/05 e s.m.i. Esame osservazioni e controdeduzioni – Approvazione.
8. Mozione presentata dal gruppo Lega Nord Lega Lombarda per l’indipendenza della Padania per garantire supporto e assistenza a tutti i saronnesi che presenteranno necessità di aiuto per il sostentamento personale e delle proprie famiglie a causa delle conseguenze socio-economiche derivanti dalle misure per contrastare la diffusione del virus COVID-19.

29042020

12 Commenti

  1. Tosi, ancora con la questione dei 5 euro a persona?
    Avete sbagliato alla grandissima e vi state arrampicando sugli specchi con i guanti di lana!
    1 mese senza nulla è vergognoso!!!
    Dimissioni! Dimissioni!

    • Vi state arrampicando sugli specchi con i guanti di lana…mitica questa definizione, grazie mi ha fatto ridere alla grande

  2. @@@ 8. Mozione presentata dal gruppo Lega Nord Lega Lombarda per l’indipendenza della Padania per garantire supporto e assistenza a tutti i saronnesi che presenteranno necessità di aiuto per il sostentamento personale e delle proprie famiglie a causa delle conseguenze socio-economiche derivanti dalle misure per contrastare la diffusione del virus COVID-19.

    Posso ridere? 4 settimane per gestire SOLO 60.000 dei 209.000 ricevuti.
    Soluzione pacco, la più inutile e meno comoda.
    Si è letto di prodotti alimentari scaduti, merce di origine UE?

    Ma cosa vogliono gestire le persone in difficoltà?

    • Indipendenza della Padania. Niente, fa già ridere così.
      Sono stati 20 anni al governo con Silvio e non sono riusciti a creare l’indipendenza. Forse perché fa molto comodo…

  3. Questa “amministrazione” è “scaduta”.
    Ultimo atto con effetti speciali ( solo per pochi..)
    #tuttiacasa

  4. Ho seguito il dibattito su Radio Orizzonti rimanendo deluso e amareggiato nel constatare come è stata affrontata l’emergenza in atto dalla giunta, rilevando uno stridore fastidioso che emergeva dalle elucubrazioni dell’assessore, il quale da avvocato difensore di un’amministrazione precaria, in tutta onestà si è accollato ogni responsabilità della decisione presa per l’utilizzo del sistema pacchi alimentari rispetto alle tessere come buoni spesa. Ascoltate tutte le dissertazioni dei partecipanti credo che il punto focale della discussione sia stata abilmente dribblata dal sindaco e dall’assessore: Sottovalutazione dell’emergenza, superficialità nella valutazione dei bisogni primari dei cittadini bisognosi di un aiuto concreto immediato, smarrimento e disorganizzazione degli uffici preposti, arroganza nel ritenersi politicamente autonomi ignorando ogni proposta di mano tesa.

  5. The future Is now! I consigli comunali futuri verrano fatti in videoconferenza senza bisogno di recarsi fisicamente in comune?

  6. tosi ancora parole al vento sui 5 euro a persona
    dico 4 settimane, ci ha messo 4 settimane per fare cosa 2 o trecento pacchi e spendendo una piccola parte di quanto arrivato.

  7. Correttezza amministrativa, nel rispetto della collettività e della trasparenza, avrebbe voluto che per concedere i buoni spesa fossero stati, anticipatamente con Determinazione del Dirigente del Settore ai Servizi Sociali, dettati i criteri per arrivare a individuare gli aventi diritto.
    L’Amministrazione dovrebbe chiarire alla cittadinanza Saronnese come sono state individuate le Persone alle quali è stato concesso il buono spesa. Nascondersi senza rendicontare può destare dubbi sulla regolarità amministrativa della concessione del buono spesa.

Comments are closed.