SARONNO – Questo pomeriggio alle 16, con un breve preavviso, l’arcivescovo di Milano, monsignor Mario Delpini, ha fatto visita al Santuario della Beata Vergine dei Miracoli di Saronno. Erano presenti solo alcuni sacerdoti, che, mantenendo le misure di sicurezza previste, hanno accolto l’arcivescovo.

La visita a sorpresa ha colto tutti piacevolmente alla sprovvista: don Mario Delpini ha avuto il desiderio di offrire questa visita come segno simbolico per tutta la diocesi ambrosiana per dare inizio al mese di Maggio, tradizionalmente dedicato alla Madonna. Nel pomeriggio del primo maggio ha infatti visitato 5 santuari della diocesi, recitando in ognuno una decina del Rosario. Dopo aver visitato i santuari di San Celso a Milano, Sacro Monte di Varese e prima di recarsi al santuario di Corbetta è giunto nel Santuario di Saronno dove ha recitato una delle decine. Dopo aver sostato in preghiera davanti alla statua della Beata Vergine custodita nel Santuario saronnese, ha recitato la preghiera alla Beata Vergine dei Miracoli in tempo di contagio, appositamente composta in questo anno, preghiera che richiama da vicino il voto fatto dai saronnesi nel 1577 al termine della terribile pestilenza.

Infine monsignor Delpini ha rivolto ai presenti, a tutti i cristiani e alla città un augurio, perchè Saronno possa riprendersi a livello sociale, spirituale, produttivo. Ha sottolineato l’importanza di Saronno come centro da sempre attivo nel mondo del lavoro, dell’industria, del commercio, ma anche della religiosità e della solidarietà. Al termine della breve visita ha impartito su tutta la città e sui suoi cittadini la sua benedizione.

In mattinata si era tenuto anche il pellegrinaggio Gerenzano-Saronno sino al Santuario saronnese, con il sindaco gerenzanese Ivano Campi a rappresentare la comunità locale.

01052020