Home Città Fase 2, Saronno: Licata rinnova la richiesta di dati e trasparenza al...

Fase 2, Saronno: Licata rinnova la richiesta di dati e trasparenza al Comune

512
6

SARONNO – Riceviamo e pubblichiamo la nota di Francesco Licata, capogruppo Pd, in merito alle ultime richieste all’Amministrazione comunale sul fronte dell’emergenza Coronavirus

“Prendersi cura della propria comunità. Proteggerla, accompagnarla, rassicurarla, prenderla per mano parlando con lei, come un buon padre di famiglia, raccontandole la verità e cercando di spiegarle cosa succede. È questo che ho chiesto al Sindaco di Saronno nel consiglio comunale di giovedì, quando in città gli organi di stampa riportavano 14 casi Covid positivi in più rispetto al giorno prima. Gli ho chiesto di uscire dal suo silenzio perché la nostra Saronno aveva diritto di sapere, aveva diritto di essere informata e rassicurata (come d’altronde fanno tutti i Sindaci del circondario e non solo) dalla propria guida politica.
L’unica risposta che ho ottenuto è che siamo “dei leoni da tastiera, che passano la giornata sui social network ad accusare strumentalmente chi passa la giornata in comune a lavorare”.
Che dire? Verrà il giorno…verrà!

03052020

6 Commenti

  1. Abbiamo visto tutti che il “ re è nudo” oltre la propaganda e il cemento non c’è nulla.

  2. signor Licata è ormai troppo tardi…
    questa “amministrazione” è scaduta e ora si deve solo “mandarli a casa”…
    …. sarebbe bastato partecipare a qualche Consiglio Comunale prima che venissero “per caso ” eletti per capire con chi si aveva a che fare…
    pazienza abbiamo un occasione per cambiare non sprechiamola in chiacchere!
    Saronno deve tornare ad essere una Città e non una “città stato”

    Paolo Enrico Colombo

    • Saronno non è mai stata città e mai lo sarà la colpa non è della politica, visto che in 20 anni abbiamo provato tutti, ma è solo la nostra di abitanti di questo paese dormitorio!

  3. Tempo perso. Non vanno più considerati , è come discutere con delle teste di gomma. Ce li dobbiamo tenere fin quando non si decide di dargli il benservito

Comments are closed.