MILANO – “Non ci sono scorciatoie per combattere la diffusione del Covid-19, le uniche armi efficaci sono la sorveglianza dei cittadini ai primi sintomi, l’adozione di comportamenti responsabili, il rigoroso utilizzo dei dispositivi di protezione personale e degli accorgimenti necessari”. L’assessore al Welfare della Regione Lombardia Giulio Gallera interviene cosi’ nel dibattito relativo ai test sierologici. “I provvedimenti che stiamo elaborando per la Fase 2 – spiega Gallera – riguardano infatti la sorveglianza delle persone direttamente sui luoghi di lavori, con campanelli d’allarme che si accendono ai primi sintomi sospetti, la conseguente quarantena precauzionale fino alla realizzazione del tampone che avviene in modo tempestivo. Abbiamo inoltre previsto il rafforzamento delle cure al domicilio grazie alla telemedicina e al telecontrollo”.

In relazione alle segnalazioni di iniziative di Enti e Aziende
che propongono di effettuare test sierologici per l’effettuazione di ricerca anticorpi anti SARS-Cov-2 a cittadini e lavoratori, l’assessore Gallera precisa che “l’Ats Citta’ Metropolitana di Milano ha gia’ provveduto nei giorni scorsi a richiamare le caratteristiche, le tipologie e i destinatari delle analisi sierologiche validate dalle autorita’ di sanita’ pubblica competenti che rientrano nelle misure ufficiali di contenimento e risposta all’emergenza Coronavirus”.
“Ogni altra iniziativa – si legge nella nota trasmessa da Ats ai
sindaci il 1 maggio scorso – ricade pertanto sotto la responsabilita’ degli organizzatori, anche per cio’ che attiene gli aspetti di corretta e consapevole informazione delle persone coinvolte e nel rispetto del regime autorizzativo vigente”.

“Dal 23 aprile scorso – conclude Gallera – Regione Lombardia ha
in effetti avviato l’esecuzione di test sierologici attraverso
un prelievo di sangue venoso periferico, ma questa campagna
serve a verificare se un organismo ha sviluppato anticorpi
neutralizzanti. Le analisi sono infatti rivolte, in questa fase,
a cittadini in quarantena, e ai loro contatti, che non avevano
eseguito il tampone”. In particolare, la Call per i test sierologici regionali viene rivolta a cittadini ancora in quarantena fiduciaria, soggetti sintomatici, con quadri simil influenzali, senza sintomi da almeno 14/21 giorni segnalati dai Medici di Medicina Generale alle Ats i contatti di casi asintomatici o con sintomi lievi, identificati dalle ATS a seguito dell’indagine epidemiologica gia’ prevista, ma senza l’effettuazione del tampone nasofaringeo per ricerca di SARS-CoV-2, anch’essi ancora in quarantena fiduciaria.

07052020

2 Commenti

  1. “Dal 23 aprile scorso”…….
    meglio tardi (purtroppo) che mai.
    Paolo Enrico Colombo

  2. Gallera perdoni la battuta qualche approfondimento, corso, fatelo voi ieri regione Lombardia ancora al top per contagi e morti ( più di 200 ). Caporetto!

Comments are closed.