SOLARO – La polizia locale del Comune di Solaro è impegnata in una serie di controlli per il rispetto dell’ordinanza sugli accessi scaglionati attraverso il metodo delle decadi di nascita ai supermercati di media e grande distribuzione del nostro territorio comunale.

Nella giornata di giovedì sono state rilevate nove violazioni, di cui sette a carico di cittadino non residenti a Solaro. All’ingresso dei supermercati sono stati esposti i cartelli che indicano le modalità di accesso ed il calendario di ingresso. “Evidentemente – spiegano dal Comune – ancora non tutti hanno capito che certe restrizioni sono necessarie per il bene di tutta la comunità”

Fortunatamente si tratta di una parte minima, in molti infatti hanno accolto con favore questo provvedimento che ricordiamo sarà attivo ancora almeno sino al 16 maggio.

(foto: l’ingresso dell’Esselunga di Solaro)

20 Commenti

    • La spesa la vai a fare quando è il tuo turno se non hai soldi da buttare in multe, semplice.

  1. Capisco tutto, ma io residente a Saronno non sono tenuto a sapere se nel comune limitrofo ci sono restrizioni, per decadi per ordine alfabetico eccetera eccetera, multate i residenti non chi non lo è.

    • Sei di saronno e vieni a Solaro?!? Bene bene andiamo avanti così che tra poco ci chiuderanno in casa per altri 2 mesi..

      • Ecco mi aspettavo un commento tipo questo. Io posso spostarmi in tutta la Lombardia, in ogni comune e con motivazioni valide, quindi potevi risparmiarti il commento. Informati e resta a casa, spegni il cellulare e il PC così eviti di commentare inutilmente. Se hai l’autocertificazione con motivi validi puoi spostarti e se vado ha Solaro che non è certo il centro del mondo forse una motivazione valida ce l’ho. E se ci lavoro e poi mi fermo a fare la spesa? Sai che posso farlo?

  2. Perché non controllare prima di farli entrare?a vero cosi non si fanno multe e non si fa.cassa…non è il tuo.turno,giri e te ne torni a casa,senza spesa e senza multa…e il comune senza soldi

  3. Sensibilizzare va bene ma dare le multe 9 di cui 7 provenienti da fuoripaese e peraltro su suolo privato ( l’esselunga non è comunale) oltretutto la gente fa la spesa per mangiare non per divertimento, mi sembra un modo per fare cassa

    • È un modo di fare cassa punto e basta, ogni giorno di più dimostrano di non essere in grado di guidare un comune, propongo all’esselunga di dissociarsi subito con un comunicato e di dare dei buoni spesa per chi si presenta con il verbale.

  4. Le perversioni non hanno limite. Le persone non vanno a rubare ma a fare la spesa. Complimenti ai nostri amministratori. Spero che tutte le persone Come me che non sapevano di questa iniziativa e si sono sentite dire che non potevano fare la spesa se lo ricorderanno anche quando tutto questo sarà finito. Per quanto mi riguarda da Saronnese per nessun motivo mi recherò a fare acquisti nei supermercati di Solaro in futuro. Grazie

  5. Bene applicare la legge, ma sarebbe anche intelligente considerare la situazione e Giovedì non c’era assolutamente coda, hanno multato anche degli anziani, quando i cartelli esposti erano grandi come francobolli…vorrei dire ai tre vigili che facevano gli splendidi con gli anziani pensionati, di andare a prendere gli spacciatori che sono in giro tutti i giorni senza alcun controllo, comunque complimenti a tutti!!!

    • Ma Solaro questa problematica non esiste la nuova giunta ha debellato tossici e spacciatori un anno fa….o forse No!

  6. Mandiamo i vigili a controllare i manutentori del cimitero!
    È ridotto in una situazione pietosa.

Comments are closed.