SARONNO – Un servizio di sicurezza notturno in collaborazione con l’associazione nazionale carabinieri per garantire la sicurezza dello spazio allestito da Croce Rossa Saronno all’interno del Paladozio di via Biffi. E’ quello che hanno svolto per qualche settimana ogni notte, dalle 10 alle 6,30 gli alpini della sezione saronnese.

Per permettere al comitato cittadino di Croce Rossa di allestire i pacchi alimentari da distribuire alle famiglie saronnesi l’Amministrazione comunale ha messo a disposizione la palestra Dozio in via Biffi. Qui per tre settimane sono stoccati i bancali con i diversi alimenti acquistati dai Servizi Sociali con i fondi messi a disposizione dal Governo ma anche i tavoli e tutti i materiali usati dai volontari per allestire i pacchi calibrati in base al nucleo familiare e alla presenza di neonati.

Per evitare brutte sorprese, da vandalismi a furti, ogni notte l’associazione carabinieri con gli alpini ha realizzato un presidio di sicurezza. I volontari delle penne nere, tra cui l’assessore all’Ambiente Gianpietro Guaglianone, ovviamente hanno osservato tutte le misure di sicurezza “anti-contagio” quindi hanno operato con le mascherine e mantenendo le distanze. Un’attività che si aggiunge alle due raccolte fondi portate avanti dagli alpini saronnesi per sostenere, dal punto di vista economico, e con aiuti concreti come con la donazione di tute, l’attività dell’ospedale cittadino di piazzale Borrella.

“Abbiamo aiutato Croce Rossa – spiega il capogruppo Roberto Falchi – garantendo in coordinamento con l’associazione carabinieri, il controllo serale per tre settimane del Paladozio, gli Alpini impiegati per questo compito sono tutti “bocia” come diciamo in gergo ossia tutti giovani proprio perché i “veci” sono soggetti a rischio in questa emergenza. Voglio ringraziare chi ha organizzato le attività e chi ne ha preso parte mentendo sempre alto in nostro spirito alpino”.