CARONNO PERTUSELLA – Bloccata dall’emergenza coronavirus in Venezuela, la “fuoriclasse” della Rheavendors Caronno spera di riunirsi quanto prima alla squadra. Il riferimento va a Yurubi Alicart, “abbonata ai fuoricampo” e fuoriclasse del team caronnese. A Caronno Pertusella l’aspettano ed anche se il campionato di serie A si svolgerà in tono minore, senza retrocessione e probabilmente pure con poche squadre, la decisione della Rheavendors Caronno è quella di chiamare in Italia le proprie straniere. La portoricana Karla Claudio ed appunto la venezuelana Alicart. Classe 1985, già olimpionica con la sua Nazionale, Alicart si trova oggi nella sua città natale, Maracay in Venezuela: è esplosa in Italia l’emergenza coronavirus, gli aerorporti hanno chiuso proprio mentre stava partendo e dunque è rimasta per adesso oltre Oceano.

“Maracay viene chiamata “città giardino” per la sua bellezza, e sono a pochi minuti a piedi da casa di mamma, ma vorrei tanto essere con la squadra, il softball mi manca tantissimo e mi mancata tantissimo Caronno Pertusella, le compagne e gli amici del posto – dice la giocatrice – Quando l’allarme per il coronavirus è andato in crescendo, stavo proprio per partire. Ho atteso qualche giorno, d’accordo coi dirigenti caronnesi: tutti speravamo che la situazione sarebbe migliorata e invece è andata ancora peggio e così per ora sono rimasta qui”. In Venezuela sinora l’impatto della pandemia non è stato così estremo come in Italia ed in Europa, “ma pure qui siamo tutti seguendo le indicazioni delle autorità sanitarie. Per fortuna ho una casa grande e riesco a tenersi in movimento, a fare qualche allenamento”. Con un pensiero alla serie A italiana: per ora la partenza del campionato è stata fissata al 13 giugno con possibilità di ulteriore rinvio se la situazione sanitaria non consentisse di partire e la società sta valutando alcune possibilità, qualche collegamento aereo è stato ripristinato, per riuscire a fare arrivare Alicart, e Karla Claudio, sino a Malpensa.

(foto archivio: il sindaco di Caronno Pertusella, Marco Giudici, premia Yurubi Alicart)

15052020