SOLARO – Spazio a tavoli e sedie, per dare respiro a bar e ristoranti. Il Comune di Solaro apre alla possibilità di richiedere un ampliamento di carattere temporaneo dell’occupazione suolo pubblico esistente o di richiedere un’occupazione ex-novo con carattere temporaneo, riservata a tutte le imprese artigiane del settore alimentare e del settore somministrazione alimenti e bevande. E rimane comunque prevista l’esenzione del canone di occupazione suolo pubblico fino al 31 ottobre.

Il permesso riguarda occupazioni leggere e rimovibili (tavolini, sedie, ombrelloni, pedane, fioriere) che potranno essere poste anche non nella diretta prossimità dell’attività. Sarà possibile richiedere come aree: marciapiedi e aree pedonali, aree per la sosta dei veicoli e aree verdi purché limitrofe all’attività in questione. L’utilizzo dell’area sarà consentito sino alle 23. Per richiedere il permesso sarà necessario contattare la Polizia Locale per un appuntamento valutativo ed in seguito notificare attraverso Pec la richiesta.

Dice Davide Panetti, consigliere comunale con delega al Commercio: “Per venire incontro alle difficoltà dovute alle normative prescritte in materia di sicurezza igienico – sanitaria causata dal Covid-19, abbiamo pensato ad un sistema per andare incontro alle nostre realtà locali. Siamo consapevoli che per riattivare il sistema di commercio è necessario incrementare gli spazi a disposizione delle attività di somministrazione di alimenti e bevande agevolando l’utilizzo di spazi pubblici e invitiamo bar e ristoranti di Solaro a valutare la possibilità che potrebbe aiutare la ripresa e agevolare la ricezione dei clienti”.

Il sindaco Nilde Moretti: “Solaro è sempre stata una comunità viva e le sue attività ne sono sicuramente uno dei fiori all’occhiello. Oggi dobbiamo pensare a rilanciarci e a rilanciare tutte queste attività messe a dura prova dalla crisi e messe ulteriormente in difficoltà da norme che, per quanto possano essere utili a gestire i rischi del contagio, risultano limitative per spazi e accessi. Ampliare le aree all’aperto delle attività può aiutare il commercio ma anche a riaccendere il nostro paese dopo questi mesi di chiusura forzata”.

(foto archivio)

29052020

12 Commenti

    • chieda in paese, ha mai provato? non può cercare tutte le risposte qua

      N.B. in paese, non in oratorio

  1. Ma i.bar che hanno già tavoli fuori pagheranno comunque la tassa o per loro è sospesa?

        • In passato vietarono di aggiungere tavoli e somministrare cibo alla notte bianca perché la gente poi non andava più al punto ristoro del centro sportivo gestito dal comune, le solite ipocrisie sinistre

          • Colpa di forza italia, dell oratorio …. sempre colpa altrui, tipiche ipocrisie leghiste

  2. No si sbaglia questa è cronaca, a Solaro gli unici che fanno lo scarica barile sono proprio la maggioranza che c’e in comune le faccio 2 esempi: rotonda corso Europa strada provinciale perciò le caverne non si possono tappare, illuminazio strada statale di competenza di altri dopo molti e dico molti incidenti interviene il comune, dimenticavo il verde pubblico, il comune non fa manutenzione dando come spiegazione che spetta all’ente parco.
    Solite ipocrisie sinistre.
    Ora la ciliegina sulla torta, la nuova gestione per la manutenzione del cimitero sta rendendo il cimitero una cosa disgustosa sporco, cestini che strabordano e sempre pieni, ora vedremo di chi sarà la colpa.

Comments are closed.