SARONNO – “Nei prossimi giorni renderemo noti i dettagli dell’operazione ma credo sia giusto condividere con i saronnesi la notizia dell’accettazione dal parte del Ministero della richiesta di finanziamento di 4 milioni di euro per la scuola elementare del quartiere Prealpi”.

Sono le parole dell’assessore ai Lavori Pubblici Dario Lonardoni che incassa, è proprio il caso di dirlo, l’approvazione del Ministero del progetto per la scuola elementare Gianni Rodari.

L’istituto scolastico con sede in via Toti ospita 300 studenti  in uno stabile decisamente provato basti dire che, realizzata negli anni Settanta, avrebbe dovuto essere utilizzata solo per pochi anni.

Anche alla luce dei tanti problemi dello stabile degli ultimi anni, dalle infiltrazioni dal tetto alle perdite dai caloriferi, l’Amministrazione ha chiesto un finanziamento dal Miur (Ministero dell’Istruzione) pari a 4 milioni di euro a fronte di un preventivo di spesa di 5 milioni di euro per la costruzione di una nuova scuola accanto a quella esistente, che verrà poi abbattuta.

(foto archivio)

06062020

7 Commenti

  1. Ottima decisione del Governo di stanziare abbondanti fondi per quella scuola.
    Spero solo che non sia questa Giunta a “pensare” e gestire la costruzione della nuova scuola. Voi avete già abbondantemente manifestato i vostri limiti nei progetti urbanistici ed altro.

  2. Ma perchè ringraziare Lonardoni di un atto logico e dovuto, sarebbe stato da idioti non provare a chiedere fondi x la scuola, questo governo non è come gli altri governi, stanzia fondi e cerca di fare al meglio il suo mestiere, così l”assessore, fa quello x cui è stato eletto, se una scuola va a rotoli cerca di costruirne una nuova, la vecchia pizzigoni e la toti sono figlie delle emergenze degli anni del boom costavano poco e dovevano durare poco, sono durate il doppio, logico sostituirle, il problema semmai è perchè farla nel verde di fianco, distruggendo un altra area …. qui si vede la capacità di un assessore, farla di fianco su un area verde sono capaci tutti, trovare una situazione meno invasiva è piu difficile, ma qui si vede la bravura

Comments are closed.