SARONNO – Riceviamo e pubblichiamo la nota dell’Amministrazione in merito allo scandalo che ha coinvolto l’ospedale.

Il sindaco Alessandro Fagioli esprime il suo profondo rammarico per la vicenda che ha coinvolto l’ospedale di Saronno in questi ultimi giorni.

Episodi ingiustificabili che non devono oscurare il prezioso lavoro che ogni giorno svolge il nostro presidio ospedaliero. In questo particolare periodo di emergenza è stato ancor di più luogo di cure, attenzione e supporto ai cittadini. Come ribadito durante la consegna della Ciocchina straordinaria avvenuta lo scorso 1 aprile, l’ospedale di Saronno è costituito da persone straordinarie che, con sacrificio quotidiano, continuano a mettersi a servizio dei cittadini senza mai tirarsi indietro nelle situazioni di difficoltà ma anzi, mostrando ancor più determinazione per sconfiggere insieme il nemico invisibile. Non deve essere l’azione di pochi ad oscurare il lavoro svolto finora.

“Anche nelle situazioni di normalità l’ospedale ha sempre confermato la propria presenza. Non deve essere minata la credibilità del nostro nosocomio e dobbiamo mostrare ora più che mai la nostra unità per difenderlo. Non smetterò mai di ringraziare tutti quegli operatori sanitari che, con sacrificio e onestà, ci stanno aiutando ad uscire da questo periodo emergenziale. Ringrazio inoltre le Forze dell’Ordine per il lavoro che stanno svolgendo. Non saranno questi episodi a fermarci.” Dichiara il sindaco Alessandro Fagioli.

(Foto: la consegna della Ciocchina da parte del sindaco Fagioli)

12 Commenti

  1. Ollalla dopo 5 anni si e` accorto che abbiamo un ospedale❗
    Nei precendenti meglio non disturbare in Regione, fosse mai che qualcuno si arrabbiava?

  2. un tantinello in ritardo non crede?
    poi qui la pura propaganda verso i fatti ormai non serve più, lei risponde ad equilibri politici interni alla lega e non alle esigenze del territorio che dovrebbe amministrare… non è che ci voglia molto, dove la vedremo prossimamente? in Provincia, in Regione?

  3. Bravo sindaco, finalmente una parola in difesa dell’ospedale.
    Ora tutti assieme, per il bene della nostra salute, dobbiamo farci sentire per ottenere delle risposte esaustive circa il ripristino completo dell’ospedale, con date certe, e fare mettere il tutto per iscritto.

  4. Come non commentare osservando prima la foto postata (in atteggiamento poco Istituzionale) e poi recependo il termine “mostrare” unità; è come dire c’è poco da fare, il destino dell’Ospedale è già segnato. Non sarebbe utile predisporre un documento ufficiale concertato, condiviso e sottoscritto con gli altri Sindaci del territorio chiedendo esplicitamente la riattivazione di tutti i reparti per riavere la funzionalità completa del nosocomio?

  5. non manca più nessuno…..
    dalle parole ai fatti
    ma senza disturbare il manovratore!
    visto che sono amici suoi, ne va della carriera politica!

    Paolo Enrico Colombo

  6. sig. fagioli parlare di ospedale 5 anni dopo non serve a nulla.
    in questi anni possiamo definirla non pervenuto.

  7. Di parole e di articoli delle varie parti politiche in questi giorni ce ne sono a bizzeffe! Ora basta: fatti non parole, ora bisogna riaprire ma con i servizi di un ventennio fa!!!

  8. Intanto a Busto si tengono il punto nascita e l’oncologia per sempre, non ho parole, altro che potenziare l’ospedale di Saronno. Questa è la Lega, la lega che ha a Varese/Busto il centro di comando.

Comments are closed.