SARONNO – E’ stato il vero colpo di scena, almeno per il momento, della tornata elettorale 2020 la discesa in campo dell’ex sindaco Pierluigi Gilli che attento conoscitore della politica saronnese ha studiato nei minimi dettagli, dalla location alle presenze, il proprio annuncio.

Ecco un riassunto della conferenza stampa con dichiarazioni, stoccate e qualche curiosità

LOCATION VERDE E FELINA
La location scelta per la conferenza stampa è stato il giardino di casa Gilli: un modo immediato per raccontare una ripartenza dal lockdown (esperienza che abbiamo vissuto tutti) ma anche per mostrare il candidato non solo con i propri alleati ma anche nel proprio mondo. In prima linea non solo la famiglia che ha garantito il massimo sostegno a Gilli ma anche i gatti di casa Cuoricino e anche Stelvio Gennarino. Quest’ultimo da consumato influencer si è palesato solo al termine dell’incontro concedendosi per qualche coccola e qualche foto

CORONAVIRUS
La conferenza stampa è stata organizzata nel massimo rispetto delle normative vigenti dal distanziamento alle mascherine. Originale e a tema felina quella del candidata sindaco (nera con gattini in stile manga) mentre Annalisa Renoldi ha scelto la tradizionale mascherina chirurgica e Francesco Banfi una nera in tessuto riutilizzabile prodotta e distribuita tra Saronnese e Bassa Comasca.

LA COMPAGINE
“Arriviamo ultimi – ha esordito Gilli – ma almeno avuto il tempo di veder nascere una collaborazione di forze che occupano lo spazio del centro. Italia viva, Azione di Calenda e Più europa si presenteranno insieme alle regionali in Puglia e in alcuni città italiane tra cui anche Saronno”. Accanto a loro ci sarà anche una forza civica “con persone desiderose di partecipare alla rinascita della città”. Gilli non esclude che possano essere di più le realtà a sostegno della sua candidatura “persone con origine politica diversa ma con valori fondamentali comuni (del resto olio non si mischia con l’acqua)”.

TEMI
Primo punto del programma toccato da Gilli il rilancio dell’ospedale partendo dal tema caldo delle carenze di personale ma c’è spazio anche per la rinascita della città (dopo la crisi economica acuita dal coronavirus) a partire da Palazzo Visconti. E non mancano i buoni propositi “cercherò di fare poche polemiche e soprattutto faremo un programma elettorale concreto che non sarà un libro dei sogni”

ENDORSEMENT
Al termine della conferenza stampa l’intervento sentito e a braccio della moglie Mara Girola che ha ribadito la necessità della competenza portata dal marito per gestire la città ma anche la fiducia e anche la comprensione per il suo ritorno in politica. Poche frasi ma così intense e sentite che hanno lasciato Gilli senza parole (si è visto anche da dietro la mascherina e gli occhiali da sole).

STOCCATE
Confermandosi in gran forma e sul pezzo Gilli ha inserito nella sua presentazione qualche stoccata all’Amministrazione che la seguito la sua e a quella attualmente in carica. Anzi ha citato anche Crozza “non serve andare in giro o chiedere ai saronnesi il decadimento della città è una cosa fattuale … come direbbe il Feltri di Crozza”. Non è mancata una battuta, con un pizzico di amarcord, sulle difficoltà del suo secondo mandato “eh si i sassolini me li tolgo ancora” ha chiosato.

RENOLDI E BANFI
Annalisa Renoldi nel suo breve intervento ha posto l’accetto sulle motivazioni del suo ritorno alla politica attiva a Saronno: “Torno per dare una mano ad una persona che c’è quella giusta per la città, torno per un amico con cui ho lavorato bene per dieci, torno per un progetto politico degno di essere seguito e sostenuto. E’ una scommessa e ce la mettiamo tutta”. Francesco Banfi non non ha rinunciato alle sue metafore e parte dalla deframmentazione dei Pc per raccontare come sia nata la sua nuova esperienza politica

LOOK
Camicia a righe maniche lunghe, occhiali da sole che ricordano tutte le uscite estive da sindaco e pantaloni chiari è il look scelto da Gilli per la conferenza stampa. Righe e toni chiari anche per Annalisa Renoldi mentre Francesco Banfi ha optato per una camicia azzurra sugli intramontabili jeans.

TEMPI
“Due settimane fa – ha ammesso più volte Gilli durante la conferenza stampa – non avrei mai pensato di essere qui oggi. Si è mosso tutto in fretta ma con tutti i pezzi che sono andati subito al posto giusto”.

PROSSIMI APPUNTAMENTI
Il logo è già pronto è ancora top secret: “Li sveleremo man mano. Il prossimo step sarà la presentazione del progetto politico su cui si fonda questa coalizione”

QUI LA DIRETTA DE ILSARONNO

11 Commenti

  1. Non la votero’…ma bentornato
    Un bel po’ di cultura non guasta dopo lo strazio di questi ultimi anni

  2. A va beh se parliamo della camicia e della mascherina “felina” mi inchino ?
    Pappagallini e criceti niente?

  3. + europa e italia viva con l’ombra di Librandi…NO GRAZIE, ne facciamo a meno…

  4. La candidatura di Gilli (ma anche quella di Airoldi) è una cosa seria.
    Questo articolo tirata invece è una immensa sciocchezza mediatica.
    Si avvicinano le elezioni, la gente dovrà scegliere, sig.ra Giudici eviti di trasformare tutto in una carnevalata.

  5. Gilli è una persona che ha creato tensioni dentro la città e con i comuni della zona.
    Abbiamo bisogno di una persona che pensi alla nostra città come guida del Saronnese, che abbia un’idea organica e integrata del comprensorio.
    Ci servono sindaci costruttori di unità del territorio, non sindaci prevaricatori.
    L’Ospedale, la stazione FNM, l’Agenzia delle Entrate, e tanto altro sono servizi a Saronno, ma non esclusivamente di Saronno. Sono al servizio di tutto il Saronnese.

  6. Occuperà una o due poltrone in comune ma soprattutto farà rivincere la destra peggiore togliendo voti alla sinistra, forse è proprio quello che vuole…

  7. I ritorni dal passato da buttare? Se il nuovo è quello che c’è stato in questi ultimi anni, preferisco il vintage. Airoldi e Gilli hanno esperienza e serietà al di là delle simpatie. Aspetterei i programmi per valutare e lascerei alle spalle i pregiudizi. Non vale la pena brontolare adesso come una pentola di fagioli.

Comments are closed.