SARONNO – Una ventina i partecipanti alla critical mass di venerdì sera nel centro di Saronno, lanciata dagli anarchici del collettivo Adesposta tramite il passaparola sui social. Il tutto per sottolineare la mancanza di spazi di aggregazione giovanile. Il via attorno alle 21.30 (seguiti da polizia e carabinieri), dopo la lettura del comunicato già in questi giorni diffuso sul web i promotori dell’iniziativa, e tramite il quale hanno fatto sapere le loro ragioni:

A Saronno la cronica assenza di spazi di aggregazione slegati da profitto e consumo si soprappone alla mancanza di luoghi in cui organizzare una solidarietà attiva. Il periodo di quarantena ha stravolto la percezione: da un lato ha fatto esplodere la mancanza di uno spazio in cui organizzare forme di mutuo appoggio; dall’altra con la chiusura dei locali notturni ha riempito piazze e strade saronnesi. Camminare per le vie ascoltando voci e risate invece che il traffico automobilistico non può farci che piacere, eppure sentiamo che non è abbastanza: punteremo verso il cielo, vogliamo di più.

(seguono aggiornamenti)

17072020

4 Commenti

    • Non vorremmo che un manipolo di agenti della questura impieghino parte del loro prezioso tempo (pagato dai contribuenti) magari sottraendolo ai VERI problemi, per “curare” 20 scappati di casa che giocano a fare gli alternativi…ecco cosa vorremmo
      Ma questa è l’Italia liberale e liberista

      • La politica liberista e autoritaria deve dimostrare di controllare e governare.I libertari non hanno bisogno della polizia ,esercito e stato per reclamare e denunciare che la paura mangia la voglia di cambiare.La solidarietà ai scappati di casa è cosa bella e giusta.E anche a lei e suoi problemi Veri va tutta la mia vicinanza.

Comments are closed.