UBOLDO – “A causa del Covid mi ritrovo senza budget per poter affrontare la stagione, pagare l’affitto o i materiali sportivi necessari. Mi rivolgo a te lettore, ti piacerebbe, con una piccola donazione dal valore di una pizza, di aiutarmi in quello che è il mio lavoro e la mia vita?”.

E’ l’appello che arriva da Gabriele Galli, 21 anni di Uboldo, giovane promessa del pattinaggio di velocità su ghiaccio che da settembre si allena in Olanda per coltivare la propria passione e soprattutto per raggiungere il suo sogno indossare la maglia della nazionale italiana alle Olimpiadi Invernali di Pechino nel 2022.

Un sogno che rischia di allontanarsi per la crisi legata al coronavirus che ha lasciato l’uboldose senza sponsor e quindi senza fondi. Da qui l’idea di un appello su www.gofundme.it con l’obiettivo di raccogliere 6 mila euro.

Ecco il suo appello. PER CONTRIBUIRE BASTA CLICCARE QUI

Ciao, sono Gabriele un ragazzo di 22 anni che sin da piccolo ha inseguito il sogno olimpico. Dopo un argento ai mondiali Junior di pattinaggio velocità a rotelle ho deciso di provarci fino in fondo nel Pattinaggio Velocità su ghiaccio ed sin dal secondo anno in questo nuovo sport, sono riuscito a difendere la maglia azzurra ai Campionati Mondiali Junior. Nella stagione 2018/2019 ho avuto l’opportunità di esordire nella massima categoria ai Campionati Europei arrivando ad un passo dalla Top10.
Nel 2019 poi ho deciso di buttarmi con tutto me stesso in una nuova esperienza in Olanda firmando il mio primo contratto con una squadra professionistica ed andando a vivere lontano da famiglia ed affetti grazie anche alla fiducia di due sponsor eccezionali: MonoSerra Ceramiche e LUVE Group.
In Olanda il mio sport è lo sport principale e per questo le strutture sono le migliori che si possano trovare in tutta Europa se non di tutto il mondo.
Quest’anno a causa del Covid-19 non ho avuto la possibilità di richiedere fondi agli sponsor e per questo mi ritrovo senza budget per poter affrontare la stagione, pagare l’affitto o i materiali sportivi necessari.
Mi rivolgo a te lettore, ti piacerebbe, con una piccola donazione dal valore di una pizza, di aiutarmi in quello che è il mio lavoro e la mia vita?”

18072020