SOLARO – Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa del sindaco e dell’assessore riguardo la ripartenza delle scuole dopo il periodo di emergenza.

“Il Sindaco Nilde Moretti e l’assessore con delega all’Educazione Monica Beretta si rivolgono con una lettera a tutte le famiglie degli alunni delle scuole di Solaro, spiegando come il Comune si è mosso nelle ultime settimane per organizzare la ripartenza in vista del nuovo anno scolastico, che sarà indubbiamente diverso dai precedenti.

Il Comune si è trovato a far fronte ad una doppia problematica: quella causata dal COVID-19 e quella nata dall’esigenza di cominciare al più presto i lavori di rimozione dell’amianto dalla pavimentazione della scuola Mascherpa di via San Francesco.
Gli sforzi si sono dunque concentrati nel reperimento di spazi adatti nel rispetto del distanziamento imposto dalle norme in vigore tanto per le classi più numerose quanto per le classi in uscita dal plesso in cui saranno concentrati i lavori.
La collaborazione di associazioni del territorio, della Parrocchia e della dirigenza scolastica ha consentito di gestire al meglio l’organizzazione degli spazi, sfruttando strutture comunali e private per l’accoglienza dei ragazzi in vista del nuovo anno scolastico 2020-2021.

Gentili Famiglie degli alunni delle scuole di Solaro,

a partire dal mese di giugno, l’Amministrazione Comunale con l’ausilio dei propri uffici Tecnico e Scuola, della Parrocchia, delle Associazioni sportive e territoriali ha avviato una interlocuzione con la Dirigenza scolastica e la Presidenza del Consiglio di Istituto tesa ad analizzare e definire criticità e bisogni per la ripartenza, in sicurezza, del nuovo anno scolastico.

Con Delibera di Giunta n° 86 del 09/07/2020, l’Amministrazione si è impegnata a porre la scuola al centro della propria azione, privilegiando nell’attribuzione degli spazi pubblici, le esigenze didattiche ed educative di famiglie ed alunni ed impegnandosi a reperire le risorse necessarie.

Il confronto ha trovato una sintesi nella Conferenza dei Servizi del 16 luglio a cui sono seguite alcune riunioni tecniche. Nella conferenza veniva illustrato il lavoro di uno studio di ingegneri, appositamente incaricati dall’Amministrazione Comunale, teso a verificare la capienza delle scuole, in tempo di COVID-19, e le soluzioni per permettere la ripartenza di tutti gli alunni in sicurezza e in presenza ed escludere la didattica alternata o a distanza (DAD).

In tale conferenza è stato altresì trattato, coinvolgendo la Scuola ed anche alcuni rappresentanti della Commissione mensa, il tema della refezione scolastica da effettuarsi in classe, in piena sicurezza, grazie ad una costante sanificazione.

Nonostante i lavori di ristrutturazione del plesso “Maria Mascherpa” non possano concludersi prima dell’avvio dell’anno scolastico a causa delle nuove disposizioni, il tema dell’adeguatezza degli spazi si sarebbe posto ugualmente.
Grazie al lavoro congiunto, al fine di rispondere a tale problematica sono stati reperiti ulteriori spazi, adeguati a tutte le classi.
Per poter ottenere tale risultato ed avere classi complete, l’Amministrazione Comunale metterà a disposizione la Sala Polivalente opportunamente approntata e si occuperà di finanziare lavori di adeguamento della mensa di Regina Elena che ospiterà 2 classi.
Verrà inoltre utilizzato il nuovo oratorio parrocchiale San Luigi in cui, grazie alla disponibilità della Parrocchia e al posizionamento di due pareti mobili, saranno ospitate quattro classi della scuola primaria con personale docente e non docente dedicato. In Don Milani, invece, saranno utilizzati per la didattica gli spazi attualmente ad uso mensa.
La classe più numerosa della scuola secondaria di primo grado, grazie alla collaborazione del Movimento Anziani e Pensionati Solaresi (Maps), sarà ospitata presso la sala adiacente alla scuola.

Probabilmente, come comunicato dalla circolare 225 della dirigenza scolastica, se non dovessero cambiare le attuali disposizioni normative e non dovesse essere assegnato nuovo personale, l’istituto dovrà rimodulare il tempo scuola.
A tal proposito l’Amministrazione Comunale, per tramite dell’ufficio Scuola, è impegnata anche a trovare soluzioni di supporto con alcune figure dedicate alla sorveglianza durante il tempo mensa, che si svolgerà in classe, per la scuola primaria.
Sul versante educativo, tale ventilata possibilità di riduzione del tempo pieno, sta spingendo l’ufficio Scuola a progettare interventi educativi e ricreativi, dedicati agli alunni delle scuole primarie per le famiglie in cui i genitori siano entrambi lavoratori.
Il tutto in appositi spazi anche di proprietà comunale e in accordo con altri attori del territorio.

Appena tutta la ri-progettazione sarà conclusa saranno comunicate tutte le notizie utili alle famiglie e agli studenti in vista della riapertura del 14 settembre.

L’inizio dell’anno scolastico ci vedrà tutti impegnati, famiglie comprese, in un grande sforzo di collaborazione, disponibilità, flessibilità da cui scaturirà un rinnovato modello di scuola. Sarà importante stringere un patto di corresponsabilità per consentire di riprendere con serenità, ma anche con tanta attenzione, il percorso scolastico in presenza interrotto lo scorso febbraio.

Un ringraziamento va a quanti, su più fronti, hanno operato, operano e opereranno per darci una scuola sicura e… aperta!
L’assessore con delega all’Educazione Monica Beretta
Il Sindaco Nilde Moretti.

04082020

(foto da archivio della scuola Mascherpa)

29 Commenti

  1. La cieca e continua critica a prescindere e solo sinonimo dei propri limiti….perciò in attesa

    • A dir la verità io leggo solo ipotesi e che bisogna ancora attendere per le soluzioni ufficiali

  2. Belle parole , però ad oggi non sono ancora partiti i lavori , i nostri figli saranno dispersi in luoghi non consoni , con …il lavoro di studio di ingegneri … profumatamente pagati con consulenze . In consiglio comunale l’opposizione aveva chiesto l’anticipo dei lavori, ora non si sà quando partiranno i lavori e figuriamoci quanto finiranno , le cause non sono le nuove disposizioni COVID , ma l’ufficio che se ne occupa , come per il verde pubblico, le buche sulle strade , i tetti colabrodo , l’incuria al cimitero , e chi ne ha più ne metta, migliaia di euro per consulenze, rafforzamento dell’ufficio e questo è il risultato di un anno di lavoro , cambiare qualcuno e dimissioni dell’assessore no ? .

      • È un suggerimento che negli ultimi anni molti miei concittadini hanno seguito mandando i propri figli sia nelle strutture pubbliche e private di Saronno è nella pubblica di Ceriano evidentemente le scuole di Solaro non hanno solo problemi strutturali.

      • La peggiore è la Rodari non la Militi.
        Di contro ogni anni decine di solaresi vanno alle scuole dell’obbligo di Ceriano.

        • Forse perchè c’è una scelta di orari diversi , mentre a Solaro no ,non credo a tutta questa eccellenza di Ceriano.

    • Lei è uno spasso!
      Le critiche provengono da una sola persona?!?
      Faccia un bel giretto in centro e provi ad ascoltare le persone ne sentirà delle belle.

  3. Ringrazio il Saronno che pubblica i commenti critici verso la giunta Solarese cosa che viene impedita sui social comunali.

  4. Il punto è che i lavori non sono ancora iniziati, il tempo per ringraziare e incensare i nuovi votanti lo trovate sempre a discapito di un paese che da 20 anni state mandando in rovina

  5. Ogni volta che sento parlare un esponente di questa giunta mi sento preso per i fondelli.

  6. Ci dite le date di inizio e fine lavori per l’eliminazione dell’amianto o è il solito segreto di pulcinella.

Comments are closed.