Home Speciale Elezioni 2020 Licata: “Non è la carta di identità che crea le competenze”

Licata: “Non è la carta di identità che crea le competenze”

405
11

SARONNO – Riceviamo e pubblichiamo la nota di Francesco Licata, capogruppo Pd, in merito alla presenza dei giovani in questa campagna elettorale.

Nella calda Saronno agostana, già in parte in ferie e vogliosa come tutta Italia di lasciarsi alle spalle un periodo che particolarmente impegnativo lo è stato per tutti, la campagna elettorale cerca faticosamente di affacciarsi sulla scena cittadina.

Dai mal di pancia del centro destra legati forse all’abuso di caramelle siamo passati alla domanda su chi è il giovane più giovane della gioventù politica nostrana.

Mi permetto di dare un consiglio, sebbene non richiesto, a tutti giovani, meno giovani o diversamente giovani. In politica, come in tutte le cose della vita, i risultati si raggiungono con la dedizione, la perseveranza e soprattutto con la voglia di realizzare qualcosa di grande perchè, molto semplicemente, tutte queste cose creano le Competenze (volutamente maiuscolo) indispensabili sia quando si vuole amministrare una città sia quando si vuole riuscire in qualsiasi altro ambito.

Non è la carta di identità che crea le competenze, gli esempi in tal senso di sprecano, non è allora meglio parlare di cosa una persona ha fatto o è capace di fare? Quando i cittadini chiederanno soluzioni purtroppo non sarà sufficiente mostrare il documento…

Buone vacanze Saronno, riposati..

11 Commenti

  1. Che tenero lo sconfitto Licata …. sembra Porro cinque anni fa quando provava a difendere il suo mandato , con il risultato che sappiamo ….. nella scorse amministrative i due candidati che si sfidarono erano giovani, e saronno ne aveva ed ha bisogno!
    Quest’anno tutti i papabili vincitori hanno i capelli bianchi , da Fagioli che in questi anni deve aver somatizzato molto , passando per Gilli che in questi anni ha abbandonato l’attività di consiglieri comunale ed ora obbligato controvoglia a scendere in campo per ordine di Librandi , per finire con il ritorno della vecchia guardia cattocomunista saronnese con la figura di Airoldi espressione di un partito democratico che ha sacrificato il giovane Licata sull’altare, è proprio questo il caso , dei voti cattolici. Ci sarebbero state e ci sono figure giovani che avrebbero potuto svecchiare le logiche politiche saronnesi ma per un motivo o per l’altro hanno scelto di fare i gregari o di dedicarsi alle vacanze, aimè!

    • a me interessa che uno sia competente, sia onesto e abbia idee serie, se poi ha i capelli grigi proprio non mi interessa, anzi molto meglio visto che spettacolo hanno dato certi giovani a Roma (uno, ex-steward di stadio,voleva incriminare Mattarella per alto tradimento e non sa coniugare i verbi);
      per non parlare di Uboldo; per allegro giovanilismo avevano fatto sindaco uno solo perché era giovane; poi si sono messi le mani nei capelli
      questa storiella del “giovane è meglio” mi ha proprio stancato; è roba…vecchia

      • La storia del giovane è una roba vecchia…Grande. Potrebbe essere racchiuso tutto in questa frase.

    • Grigio
      Ma oltre il pippone sull’argomento ci sai stare?
      Perche` l`unico tenerone sembri tu sai

  2. Condivido in toto queste parole di Licata.
    Non se ne può più di questa penosa gara al “giovanilismo”.
    Nel governo della città essere giovani o più maturi di per sé non significa NIENTE, nel bene e nel male. A livello nazionale ci sono state delusioni “di ogni età”!
    Competenza o umiltà di imparare, onestà personale, visione alta della politica, amore vero per la città.
    Questo conta.
    Tutto il resto conta zero.

  3. in effetti la rincorsa a sbandierare il piu’ giovane e puro è stata un po’ patetica.

  4. Bravo sig. Licata, ora che si è fatto la domanda, può darsi anche una risposta sul perchè?
    Giovane o meno, dovrebbe “Anagraficamente e volutamente maiuscolo” anche lei rientrare nella categoria da lei stilata dei tutti giovani, meno giovani o “Diversamente” giovani e volutamente maiuscolo anche quest’ultimo virgolettato!

Comments are closed.