Home Città Ex Parma: la risposta del sindaco Fagioli alla petizione di 250 saronnesi:...

Ex Parma: la risposta del sindaco Fagioli alla petizione di 250 saronnesi: “La si smetta di fare disinformazione”

1127
32

SARONNO – “La si smetta di fare disinformazione”. E’ la chiosa della breve risposta del sindaco Alessandro Fagioli alla petizione di 250 saronnesi contro il progetto di riqualificazione dell’ex Parma l’area dismessa tra via Marconi e via Piave.

L’area è stata al centro di una delibera nell’ultimo consiglio comunale e ieri un gruppo di cittadini ha presentato una missiva, firmata da 250 saronnesi, in cui rimarcano il proprio nota soprattutto del verde pubblico ma anche all’arrivo di un palazzi (di 10 e 12 piani) e del supermercato.

“Metà dell’area sarà destinata a verde e diventerà proprietà comunale terminate le bonifiche – commenta il sindaco Alessandro Fagioli tramite l’ufficio stampa – Il Pgt approvato dalla amministrazione precedente dettava la quantità di superfici e volumi edificabili residenziali e commerciali che sono diventati quindi diritti acquisiti dalla proprietà.
Sia chiaro che al momento è al 100% una proprietà privata”.

Quella presentata ieri dai cittadini è la seconda petizione su questo tema: la prima è stata attivata online da Ambiente Saronno.

(foto: il sindaco Alessandro Fagioli)

32 Commenti

  1. E allora?
    Ma il verde resta verde o invece diventa altro a pagamento?
    Ma gli alberi restano o vengono tagliati?
    Il signor Fagioli non lo dice allora è lui che “deliberatamente” fa confusione
    Paolo Enrico Colombo

    # ècolpadeglialtri

    • Premesso che non prendo le difese di nessuno, però mi scusi ma se ha detto verde pubblico ci saranno gli alberi e il verde secondo lei?
      Potrebbe anche essere che si facciano dei parcheggi a strisce verdi…tutto è possibile.

      • La Partecipata è pubblica, ma il verde diventa a pagamento! Un bel gioco di parole ma alla fine ci perdono i cittadini

  2. Altro cemento…
    Diamo sempre una mano agli amici?
    Saronno non ha bisogno di altri palazzi.

    • Se un privato vuole e può perché previsto nel pgt costruire non può farlo?
      Ci dobbiamo indignare quando fanno i pgt o no?
      Ormai è tardi.

      • Il Pgt dà gli indirizzi, poi è l’amministrazione a declinarli di concerto con il proprietario. In questo caso hanno deciso di favorirlo su tutto, a scapito dei cittadini, prevedendo concessioni non scritte nel Pgt. Esempio, la scelta di regalare il verde al privato.

        • Mi spiace ma questa è davvero una frottola dell’esperto urbanistico della domenica. Informarsi e studiare prima di parlare a caso, grazie.

          • La dimostrazione è la quantità di procedimenti portati in consiglio comunale negli ultimi due anni: il Pgt era troppo garantista, la Lega desiderava dare mano libera ai proprietari (spesso amici). Quindi forse dovrebbe studiare lei.

  3. Ma possibile che in una citta di 30 e passa mila abitanti dobbiamo discutere di una petizione fatta da 250 saronnesi (0,8%) della popolazione….sai io cosa farei fossi il sindaco!?…annullerei il progetto lascerei tutto li a marcire altri 20 anni tutta l’area….

    • ma che modo è di ragionare? è vero o no che spariranno decine di alberi proprio quando ne abbiamo un bisogno disperato? Fuori ci sono stati 35-36 gradi, se ne è accorto lei?
      è vero o no che il verde non è un capriccio della natura ma una condizione di vita?
      la verità è che voi leghisti (ora Lega Sud di Salvini) non siete più in sintonia coi bisogni profondi dei cittadini
      avevate promesso rispetto del territorio e delle identità, ci state dando palazzi, cemento e distruzione del poco verde esistente

    • commento offensivo. i firmatari sono cittadini di quello specifico quartiere, quelli che saranno direttamente penalizzati.

    • Biosogna almeno ascoltare le richieste di chi vive nella zona e sì anche di chi fa una petizione. Sicuramente si può migliorare l’intervento, ad esempio non cancellando l’area verde (cosa che non pregiudica l’intervento del privato). Si chiama capacità di gestione e comunicazione e mediazione, visto che un sindaco cerca quanto meno di fare anche gli interessi dei cittadini, non solo dei privati.

  4. si la proposta per il bene di Saronno è 2 palazzoni di 12 piani, si udite udite 12 piani che con Saronno stonano totalmente.
    Ma sicuramente è per l’inderesse dei saronnesi, non certo di chi ci fara’ soldi costruendole.
    Sempre se li farà visto che a Saronno c’è una quantità enorme di case vuote!

    • Guardi che 250 cittadini sono solo una rappresentanza di tutto il quartiere. Molto abilmente è stato scelto questo periodo, in corrispondenza delle vacanze. È risultato impossibile raccoglierne di più. Inoltre c’è anche quella di legambiente su chance.org , firmata da oltre 500 persone. E a breve pubblicheremo anche la prima petizione raccolta a sfavore dei campi da paddle. Mi piacerebbe molto che tutte le 22 piante che verranno abbattute e tutte le costruzioni che si ergeranno, venissero fatte sotto casa sua. E cmq non resta affatto il 50% di verde, anzi….tutto il verde di proprietà dei cittadini è stato furbescamente barattato, in cambio di campi da calcetto o paddle, cementati…quindi? Lei si informi meglio, x favore.

      • Scusa Marco perche’ lo spieghi a me?
        Tra l’altro trovo che hai ragione.
        Io sfottevo solo il sindaco, visto che la sua lega e’ un veicolo permanente di fakenews

  5. Mi sa che quelli che prendono 100000 euro per consigliare il sindaco sono in ferie.
    Aspettiamo a settembre una risposta.

  6. nel pacchetto comunicazione dell’amministrazione (che mi pare non esistere) non si fa presente però che anche l’attuale area di proprietà del comune di Saronno con alberi e parchetto per i cani viene gentilmente e supinamente ceduta per farci campi da calcetto e parcheggi… è forse questo il verde che intente il sig. sindaco?

  7. Il Pgt approvato dalla precedente amministrazione (non dalla Lega, per fortuna) non prevedeva la cancellazione del parco pubblico e neppure una distesa di asfalto per fare parcheggi, altrimenti non sarebbe stato necessario portare il progetto in Consiglio Comunale per la sua approvazione.
    Quindi, caro Sindaco, di chi è la disinformazione?

  8. Nel 1970 quando sono venuto a abitare, il centro era in gran parte occupato da rustici con cortili, stalle e fienili, contornato da aree industriali dismesse e degradate ricettacoli di spazzature e topi. C’è ancora molto da fare però ora Saronno è una bella cittadina.

    • Eh infatti adesso abbiamo un centro bellissimo e molto vivo rispetto – chessò – agli Anni ’80/’90.

      Forse sarebbe meglio tornare alle stalle e ai fienili.

    • Donato, Saronno è una bella citta? ma tu cosa guardi, ma tu ci sei o ci fai? Se affermi che Saronno è una bella città mi sa che proprio a Saronno non ci abiti proprio

  9. Copiato da un precedente post:
    “L”incomprensibile decisione cementificatrice dell’amministrazione della Lega ha gettato enorme malcontento oltre a quello già esistente e vivo in città sull’operato del sindaco Fagioli e della Lega: ce ne ricorderemo a settembre nell’urna.”………….
    ………..Sara però pubblica i post anche se ti danno fastidio.
    È la stampa libera che crea una grande testata

    • mi sembra un attacco un po’ insensato visto che è già pubblicato nell’articolo…

  10. Sindaco, il palazzo a 12 piani fattelo di fronte a casa tua visto che ti piace così tanto, Ah guarda che devi anche risistemare il muro che hai abbattuto dei frati .. non dimenticartelo sai?

  11. E’ la moda del momento: c’è anche la torre di 41m in via Pola/Bossi e pure lì tagliati dei grossi alberi che verranno “compensati” ma altrove!! E poi sono “solo” 6 alberi, che vuoi che sia, sono quisquilie ma mi faccia il piacereee!!

Comments are closed.