SARONNO – Una luce quasi incantata, le macchine movimento terra al lavoro tra la maestosità decaduta dei capannoni dell’ex Cantoni. Sono gli scatti del saronnese Luigi Palma che racconta i lavori in corso all’ex Cantoni.

Nella maxi area dismessa alle porte della Cassina Ferrara dove ormai da più di un anno è in corso la bonifica delle acque ad opera della proprietà nelle ultime settimane sono arrivate anche le ruspe. E’ già ora di abbattere i capannoni per iniziare la riqualificazione? In realtà no anche perchè la bonifica richiede ancora diversi mesi di lavoro e l’iter di approvazione è ancora più lungo.

L’intervento si è reso necessario per la messa in sicurezza di uno degli stabili nella zona più vicina a via Frua. Nel mese di maggio si era verificato il crollo di alcuni calcinacci dallo stabile dismesso con i pezzi che erano finiti nel cortile di un vicino condominio. L’allarme era scattato in un pomeriggio assolato quando i vigili del fuoco del distaccamento di via Stra Madonna avevano risposto alla chiamata di alcuni residenti. I pompieri avevano effetto un sopralluogo per verificare la situazione della struttura all’interno dell’ex Cantoni da cui si erano staccati i calcinacci ma anche i rischi per il vicino complesso residenziale.

09082020