LIMBIATE – I carabinieri della stazione di Limbiate hanno arrestato in flagranza un 37enne del luogo resosi responsabile di maltrattamenti in famiglia. Tutto scaturisce da una richiesta al 112 pervenuta la sera del 14 agosto, pervenuta dal padre dell’uomo, che ancora convive con entrambi i genitori. L’anziano segnalava l’ennesimo scatto d’ira e di violenza posto in essere dal figlio nei confronti suoi e della moglie.
L’immediato intervento dei militari ha consentito di sorprendere l’uomo ancora all’interno dell’abitazione, in forte stato di aggressiva agitazione, il quale, nonostante la presenza degli operanti, continuava a minacciare i genitori accusandoli di non provvedere alle sue “esigenze”.

In realtá, come giá in passato altri interventi analoghi e denunce sporte dai genitori documentano il drammatico contesto famigliare che trae origine dalla tossicodipendenza dell’uomo il quale, privo di occupazione, già in passato aveva maltrattato  i genitori per farsi consegnare i soldi per l’acquisto di stupefacenti.
L’uomo di trova ora rinchiuso nel carcere di San Vittore.

19082020