Home Speciale Elezioni 2020 Fratelli d’Italia: risultato finale, analisi e tutte le preferenze

Fratelli d’Italia: risultato finale, analisi e tutte le preferenze

739
3

SARONNO – Fratelli d’Italia è arrivata al 7,03% con 1276 voti. Nell’ultima tornata elettorale aveva preso il 2,36%% con 376 voti (con l’aggiunta di 163 voti pari al 1,02% di Dn). Dopo aver amministrato per 5 anni con la coazione di centro destra si è allargata ospitando al proprio interno il gruppo di Domà Nunch

Il più votato della lista è stato Gianpietro Guaglianone (105), seguito da Gianangelo Tosi (79) e Carmen Federico (40)

Candidato sindaco
Alessandro Fagioli
in coalizione con
Lega
Forza Italia
Saronno al centro
 
Candidatovoti
Gianangelo Tosi79
Gianpietro Guaglianone detto Gp105
Flavio Armanini 10
Paolo Brunetti16
Luca Carioli31
Federica Carlomagno39
Marina Ceriani29
Antonino Colletti1
Ernesto Credendino1
Fara Cufino3
Giuseppina D'Arasmo1
Carmela Federico detta Carmen40
Nicola Guadalupi1
Demis Guidi7
Giacomo Paltenghi3
Marco Pasian1
Elvezio Piolanti36
Simona Raccio0
Maurizio Santurri2
Clelia Savarese28
Federica Secco2
Giacomo Stoccato3
Luca Tognetti0

Come è stata la campagna elettorale?
Al centro del fuoco incrociato il sindaco uscente Alessandro Fagioli sostenuto dalla sua Lega con gli alleati di sempre Fratelli d’Italia (rafforzata dall’alleanza con Domà nunch), Forza Italia e Saronno al centro. I maldipancia ed i colpi di scena non sono mancati prima e dopo la presentazione delle liste tanto da costringere il centrodestra a rimarcare più volta la volontà di correre unito. Il primo candidato che è stato protagonista di un’intensa campagna elettorale pur nel rispetto delle normative anti covid. Augusto Airoldi, l’ex presidente del consiglio comunale, è sostenuto dal Pd dalla storica lista civica [email protected] che schiera tra gli altri il 94enne partigiano Aurelio Legnani (decano dei candidati) e la nuovissima Airoldi sindaco. Airoldi è stato il più attivo dei candidati con decine di eventi in piazza e nei quartieri con un intenso tour iniziato a luglio. Sorpresa della campagna elettorale la candidatura di Pierluigi Gilli, ex sindaco per due mandati, che punta probabilmente anche su un effetto amarcord per i tempi d’oro della città. A sostenerlo un autentico laboratorio politico ossia la coalizione Italia Viva, Azione! e Più Europa con la civica Con Saronno guidata dal consigliere comunale uscente Francesco Banfi. Corsa solitaria per il Movimento 5 stelle che schiera il determinato Luca Longinotti con una squadra di candidati che punta sui giovani a partire da Valeria Checchi e Luca Mantegazza. Alla mano e spigliato Longinotti è il più giovane dei candidati in corsa con una grande attenzione per l’ambiente. La lista civica indipendente Obiettivo Saronno vera incognita di questa campagna elettorale presenza Novella Ciceroni insegnante unica candidata donna sostenuta da una lista decisamente giovane ed affiatata. Tra le sfide e i temi di Obiettivo Saronno la petizione del rilanciare l’ospedale di Saronno tema su cui, con la scuole e le aree dismesse, si è giocata gran parte della campagna elettorale.

3 Commenti

    • Sono i riempilista, servono a portare il numero massimo di candidati consiglieri quando il partito non dispone di altre personalità di rilievo da proporre

Comments are closed.