MOZZATE – I carabinieri della Compagnia di Cantù e del Nucleo dell’Ispettorato al lavoro di Como, contro chi non rispetta le norme anti-covid e di monitoraggio della movida, hanno ieri proceduto a contestazione di illecito amministrativo nei confronti di tre esercenti (con chiusura di due dei tre locali pubblici). Due esercenti (quello di Carugo e quello di Mozzate) si sono resi responsabili delle violazioni in materia di contenimento dai rischi sanitari derivanti dalla diffusione del virus Covid-19, mentre tutti e 3 (i due citati e quello di Novedrate) hanno istallato un impianto di videosorveglianza senza la prevista autorizzazione. Riscontrato, inoltre, un lavoratore irregolare (in nero) presso l’esercizio pubblico di Mozzate.

I controlli da cui sono scaturite le citate sanzioni, sono stati svolti nel corso della serata di ieri, venerdì 25 settembre, con il chiaro intento di far sì che la movida del week-end non andasse in contrasto con la normativa relativa all’emergenza da Covid-19. I militari della Compagnia di Cantù (Nucleo Operativo e Radiomobile di Cantù, tenenza di Mariano Comense e stazione di Mozzate) congiuntamente al personale del Nucleo ispettorato di Como, dunque, hanno proceduto al controllo di attività dedite alla somministrazione di alimenti e bevande, riscontrando (nei locali di Mozzate e Carugo) molteplici violazioni legate all’omessa misurazione della temperatura corporea dei clienti al tavolo, all’omessa gestione dell’afflusso all’interno della sala, alla carenza di apposita cartellonistica informativa, all’omessa redazione del protocollo anti-contagio, alla non idonea documentazione delle pulizie effettuate, all’omessa informazione ai lavoratori del rischio di contagio. Tutti e tre i locali, come anticipato, sono stati anche sanzionati per aver utilizzato un impianto di videosorveglianza senza la specifica autorizzazione ministeriale.

In conclusione, all’attività di prevenzione svolta dai militari dell’Arma, a seguito delle citate violazioni accertate, sono conseguite sanzioni economiche “Covid-19” dell’importo di 3000 euro complessivi, con contestuale chiusura provvisoria di 5 giorni delle 2 attività commerciali, oltre ad ammende e sanzioni amministrative di oltre 6500 euro complessivi per le restanti violazioni.

(foto archivio)

26092020