Home Groane Ceriano Laghetto Non ce l’ha fatta il giovanissimo coinvolto in incidente domenica sera

Non ce l’ha fatta il giovanissimo coinvolto in incidente domenica sera

13763
8

ROVELLO/MISINTO/CERIANO – Simone Vavassori, il ragazzo di 15 anni coinvolto nell’incidente di ieri sera al confine tra Saronno e Rovello Porro, all’altezza della rotatoria del supermercato poco fuori Cassina Ferrara, purtroppo non ce l’ha fatta. Le ferite riportate nello scontro si sono rivelate troppo gravi. Il giovane, che da qualche anno abitava con la famiglia a Misinto, era originario di Ceriano, dove era cresciuto e aveva frequentato le scuole. Classe 2005, appassionato di moto, specialmente moto da cross, lui e la sua famiglia sono piuttosto conosciuti in paese e la preoccupazione l’indomani mattina si è subito trasformata in commozione per la grave perdita.

Il grave incidente è avvenuto attorno alle 18 sulla continuazione di via Larga in territorio comunale di Rovello. A quanto pare il ragazzo stava pedalando in direzione Saronno quando c’è stata la collisione con un’auto. Le condizioni del giovane sono apparse subito molto gravi, è arrivata l’ambulanza e l’automedica, e poi la decisione è stata quella di richiedere il supporto anche dell’elisoccorso, che è arrivato da Como ed è planato in un terreno agricolo adiacente. Il ferito è stato quindi trasferito con l’elicottero all’ospedale di Circolo di Varese, al momento dell’arrivo al nosocomio varesino le sue condizioni sono apparse critiche, talmente critiche da risultare fatali.

26102020

8 Commenti

  1. Concordo con il ciclista sulla necessità di una pista ciclabile in quel tratto di strada molto pericoloso ,anche per i pedoni ,perché la strada è stretta ,poco illuminata,e viene percorsa solitamente ad alta velocità.

  2. Strada appena risistemata con i fondi della Pedemontana, stessa situazione sulla tangenzialina da Solaro, Cassina, a Rovellasca niente pista ciclabile protetta.

  3. Un assurdità che il comune di Saronno è Rovello Porro non abbiano preso in considerazione la sicurezza dei cittadini pedoni o ciclisti che rischiano la vita, per percorrere poche centinaia di metri senza un minimo di protezione, con macchine che sfrecciano ad alta velocità a qualsiasi ora della giornata. Tutto questo fatto presente oltre un anno fa sia al comune di Saronno che al supermercato per i suoi clienti di Cascina Ferrara.

  4. Non giudico ma ormai le auto non si utilizzano per necessità ma sorpassare sorpassare sorpassare sempre correre che poi per cosa?dove si corre incontro alla morte? L’auto deve essere utile si..ma non per fare gran prix Mugello Misano Monza lasciali dove stanno non sulle strade dove sappiamo ci sono i pedoni

  5. Ah!! Sempre io!! poi dicono alcol test certo incide parecchio non lo metto in dubbio; ma spesso ,chi reca incidenti, sono gli sbruffoni che mettono troppo l’acceleratore Solo perché si sentono i bisonti della strada magari con il sub o troppo sicuri e magari sono anche sobri …
    Ma se non sai quid are è grave ….

Comments are closed.