Home App “Scritto e firmato da Gianni Rodari”: il libro che racconta il legame...

“Scritto e firmato da Gianni Rodari”: il libro che racconta il legame tra lo scrittore ed Uboldo

1409
0

UBOLDO – Si intitola “Scritto e firmato da Gianni Rodari. Il registro di classe della terza elementare di Uboldo dove nacque la fantastica” ed è la preziosa opera pubblicata da Macchione Editore in occasione del centenario della nascita di Gianni Rodari.

L’opera porta la firma di Chiara Zangarini, varesina autrice di diversi saggi su Gianni Rodari, con la collaborazione di Alessandro Colombo, giornalista uboldese, che ha curato la parte relativa alle interviste, ai ricordi e alle testimonianze.

Ma, soprattutto, si tratta di una iniziativa fortemente voluta dalla nuova associazione culturale “Per Uboldo”.

Abbiamo voluto in questo modo celebrare il centenario della nascita di Rodari che ha legato a doppio filo il suo nome al nostro paese – dichiara la presidente dell’associazione, Nunzia Venturi -. Quando abbiamo saputo dal nostro socio Alessandro Colombo dell’esistenza del Registro di classe originale dell’anno 1942/1943 scritto e firmato da Gianni Rodari conservato a scuola, non abbiamo esitato a promuovere la pubblicazione di un libro dedicato al legame tra Rodari e Uboldo”.

Un libro fondamentale proprio perché il Registro della terza classe elementare maschile di Uboldo toglie ogni dubbio sul nesso strettissimo tra pratica e teoria, tra esperimento e creatività, in cui maturò in Gianni il passaggio da maestro elementare a scrittore di “Fantastica”.

D’altra parte la nostra associazione ha come obiettivo la promozione dello sviluppo, sociale, culturale e turistico del nostro paese – conclude Nunzia Venturi -. Ricordare Gianni Rodari a cento anni dalla sua nascita con un libro ci è sembrato un ottimo modo per iniziare la nostra attività anche in un periodo difficile come questo”.

L’associazione Per Uboldo, costituitasi lo scorso mese di febbraio, annovera tra le sue fila, oltre al Presidente Venturi e ad altri soci, il Vice Presidente Giovanni Migliavacca, il Segretario Bruno Rocca e il tesoriere Marco Soleri.

Il libro su Gianni Rodari è sicuramente un ottimo inizio per l’associazione che dimostra fin da subito in questo modo il suo legame con il territorio e la sua volontà di promuovere lo sviluppo dello stesso.

“Scritto e firmato da Gianni Rodari” contiene, infatti, oltre alle pagine del registro di classe, una parte dedicata alle testimonianze e ai ricordi degli uboldesi. Una parte curata da Alessandro Colombo che, durante il periodo estivo, è andato alla ricerca di persone che hanno conosciuto, direttamente o indirettamente, Gianni Rodari nel suo soggiorno a Uboldo, e di luoghi dove lo scrittore è stato.

E’ stata una ricerca molto interessante – dichiara Alessandro Colombo -. Un vero e proprio tuffo nel passato del nostro paese. Ho avuto modo di incontrare persone che hanno conosciuto personalmente Gianni Rodari. Ho avuto modo di scoprire i luoghi dove lo scrittore ha soggiornato. Dalla Trattoria La Passeggiata alla Cascina Regusella fino alla vecchia scuola elementare in via Parrocchiale. Da tutte le testimonianze ne è nata una bella storia che ci riporta alla Uboldo degli anni Quaranta. Al termine di questa mia ricerca è doveroso ringraziare tutte le persone che si sono prestate con molto entusiasmo a fornirmi notizie, testimonianze e aneddoti. Per questo motivo il libro merita di essere letto – conclude Alessandro Colombo -: perché è prima di tutto nostro, di noi uboldesi. E poi perché in molti si ritroveranno in queste pagine”.

Un libro tutto da leggere per scoprire come si viveva a Uboldo negli anni Quaranta e quanto il nostro paese sia stato importante per la formazione del Rodari scrittore.