Home ilSaronnese Cislago Cislago, la Lega bacchetta Fdi: “No a continui sgambetti su varie ed...

Cislago, la Lega bacchetta Fdi: “No a continui sgambetti su varie ed eventuali”

168
0

CISLAGO – Riceviamo e pubblichiamo la nota di Corrado Grimoldi, segretario cittadino della Lega di Cislago.

Si moltiplicano da qualche tempo gli attacchi all’amministrazione da parte dell’acerbo gruppo consiliare di FdI; i fronti sono molteplici e questi articoli arrivano in un momento in cui la situazione richiederebbe unità e non continui sgambetti su temi vari ed eventuali.

Qualche giorno fa il tema “caldo” era la presunta disastrata situazione del personale comunale, mal gestito sia dall’amministrazione sia dai capi servizio che poco lungimiranti, prima del passaggio dell’ex vicesindaco al gruppo Misto, poi a un’Idea per Cislago ed infine in FdI, non hanno accettato di esternalizzare un servizio.

Il Comune conta 28 dipendenti e ad oggi sono in essere 3 richieste di mobilità, le motivazioni di queste richieste sono di carattere personale e presumibilmente legate al desiderio di avvicinamento alla propria residenza.

Le illazioni del capogruppo Lista secondo il quale nessuno vuole venire a Cislago, e che solo delle persone poco accorte hanno la sventura di accettare un contratto con il nostro comune, sono offensive ed ingiuste sia per il personale che sceglie per motivi propri di
spostarsi sia per quello che invece, da anni, fa il proprio lavoro egregiamente e auspicabilmente potrà continuare a farlo.

Nell’ultimo articolo viene addirittura chiesto al sindaco di pubblicare i nominativi delle persone contagiate, il che esporrebbe lo stesso a sanzioni che potrebbero essere anche penali. In merito a quest’ultima esternazione, possiamo capire la buona fede del consigliere, ma non ce lo saremmo aspettato da un uomo con una navigata carriera politica come la sua che, in vari enti, ha ricoperto diverse cariche anche di responsabilità.

Inoltre, essendo un esponente delle forze dell’ordine, non dovrebbe “consigliare” comportamenti al di fuori della legalità, arrivando poi ad attribuire al sindaco competenze che non ha, quali quelle di sorveglianza che sono proprie ed esclusive degli enti sanitari o
delle forze dell’ordine. Anche se mosso dalla volontà di screditare l’amministrazione, dovrebbe mantenere la lucidità che gli si richiede e non abbandonarsi ad esternazioni che potrebbero riscuotere consenso, ma di certo non aiutano a risolvere nulla.

Avendo introdotto l’argomento Covid-19, vorrei concludere informando i cittadini che molteplici iniziative sono state attivate per il sostegno ai cittadini: integrazione dei buonispesa per chi ne ha più bisogno, consegna pasti a domicilio, promozione dei servizi di
consegna domiciliare di beni di prima necessità e farmaci (anche in collaborazione con protezione civile e CRI). Queste sono solo alcune delle misure che già oggi possono essere fruite dalla cittadinanza, alle quali si aggiungeranno ulteriori iniziative, anche grazie
alla scelta fatta da tutta l’amministrazione di rinunciare alla totalità degli emolumenti e contributi che sta già oggi generando una disponibilità mensile di circa 5.000 €.

Per chiudere, vi esorto ad essere responsabili e a pensare che la vostra irresponsabilità potrebbe nuocere ad un vostro parente, amico o conoscente.