SARONNO – “Sin dall’inizio dell’emergenza Covid abbiamo assistito ad una vera e propria presa di posizione ostile da parte della compagine di governo contro la nostra regione, che è culminata con l’istituzione della zona Rossa in Lombardia”.

Inizia così la nota a sostegno “della Lombardia e di Fontana” firma da Marco Castelli della Lega di Saronno.

“Nonostante sia la regione che ha fatto e continua a fare più tamponi di qualsiasi altra, ad oggi vi sono 4 regioni con il tasso maggiore di positivi ogni 100.000 abitanti, e 5 regioni con il tasso maggiore di positivi ogni 100 tamponi.

E’ inutile dire che non tutte le regioni maggiormente colpite dai contagi sono state dichiarate zona rossa, a dimostrazione che oltre a non aver dati scientifici a suo supporto, questa è l’ennesima presa di posizione del governo verso la Lombardia.
Per essere più specifici non pare strano che la Campania sia considerata Zona Gialla con 19,28 positivi ogni 100 tamponi mentre la Lombardia è Zona Rossa con 17,75 postivi ogni 100?

E’ altresì inaccettabile imputare al Governatore Attilio Fontana e non al Governo, delle responsabilità riguardo la gestione sanitaria in questi mesi. La filastrocca dell’asse PD-5S si riassume nel dare la colpa di questa situazione a Fontana, che fu il primo a febbraio a chiedere di disporre maggiori controlli per isolare eventuali contagi, mentre gli esponenti più in vista del PD come ad esempio il sindaco di Milano Sala, il segretario Zingaretti, il sindaco di Bergamo Gori, fiancheggiati dai “Virologi da Talk Show”, si lanciavano in campagne comunicative di grande successo come l’arcinoto “AperiVirus”, “Milano Non si Ferma”, “Il razzismo uccide più del Virus”, e simili.

E’ irrispettoso l’atteggiamento di accusa verso il governatore che ha realizzato in meno di una settimana e in piena emergenza l’ospedale in fiera con 200 posti di terapia intensiva, basandosi unicamente su donazioni di privati e senza gravare di un euro sui contribuenti lombardi, già fin troppo vessati dallo stato centrale, che anche in questo caso si conferma essere inefficiente e dannoso.

Definire la sanità in Lombardia come “disastrosa” fa parte di un’operazione diffamatoria di lungo corso, che si scontra facilmente con la realtà delle migliaia di pazienti fuori regione che vengono ospitati ogni anno nei nostri ospedali, e le fila di VIP anche della politica che scelgono la “disastrosa” Lombardia per venirsi a curare, come ad esempio il 5 Stelle Casalino che due mesi fa fu ospitato al San Raffaele.

Peggio ancora troviamo l’accusa verso la popolazione. Sentirsi accusare come lombardi di essere gli untori e i responsabili della pandemia, aggiunge solo vigore al giramento di scatole di essere il motore economico sociale e morale di un paese, ed essere derisi e strumentalizzati dai partiti che, nostro malgrado, sono al governo.

Ci auspichiamo che tutti i Lombardi, di qualsiasi estrazione, si facciano forza in questi momenti difficili ritrovandosi uniti nell’affrontare la situazione politicamente grottesca e a livello sanitario quantomeno confusa.

32 Commenti

  1. Qui di grottesco ci siete solo voi, sulla stampa nazionale circola ormai la circolare di gallera agli ospedali che smentisce Fontana…

    • Come fai a dire che sono tutti morti per covid, te lo ha detto la televisione? Se è così ci crediamo proprio sai

      • Ti ricordi gli ACM dell’esercito a Bergamo che portavano via le salme?
        Poi ci sono i dati degli uffici anagrafe di tutti i comuni della Lombardia: media dei decessi nel primi 4 mesi dell’anno per gli anni 2015/16/17/18/19 comparata con i decessi dei primi 4 mesi del 2020.
        A fine anno faremo anche la media annuale.

  2. Un paio di osserbazioni/domande:
    – quanti sino i posti realmente pronti in fiera? A quanto ne so molti meno di 200 … mi pare addirittura meno di 50.
    – nel “brillante” comportamento della giunta regionale lombarda ci mettiamo anche l’approvvigionamento del vaccino antinfluenzale (che comunque è correlato alla gestione della pandemia) o di questo non parliamo? Se verrà gestito così anche, quando ci sarà, il vaccino per il covid ci aspettano altri 3 anni di zone rosse intermittenti.

  3. l’unica cosa GROTTESCA è il vostro approccio al problema contagi e morti in Lombardia.
    Prima accusate che i dati sono vecchi, poi ok il lockdown è giusto (Fontana oggi).
    Di fatto passAte piu’ tempo a polemizzare, a volere ma al tempo stesso non volere, cercate “autonomia” ma mai la usate per prendere una decisione a tutela della salute ma magari un pò impopolare, aspettando che ci pensi il Governo, per poi subito attaccare. I metodi di valutazione delle commissioni di esperte sono le stesse da medici, decisi con le Regioni e con pure rappresentanti delle regioni negli staff.
    SIETE IRRESPONSABILI INUTILI

  4. Lei sta polemizzando a vuoto a perdere, quando sono giorni che gli stessi medici della nostra regione, vi stanno esortando ad attivare dei lockdown per fermare il boom di contagi e morti.
    Se non ha chiara la situazione si rivolga al pronto soccorso del nostro ospedale.

  5. La dittatura Conte giallorossa di una incompetenza e arroganza senza precedenti storici in Italia non può che comportarsi così. Caro Castelli il guaio è che non c’è una opposizione così valida coesa e forte che in questi mesi sia stata capace di riportare il paese alle sue radici democratiche nella sede competente che è il Parlamento. Spero di sbagliarmi ma sarà così per molto tempo ancora.

  6. partiranno all’attacco i commenti di tutti i sinistrorsi nel tentativo di mascherare l’unica verità che si evince: il Governo attuale è ridicolo, formato da incapaci e fazzioso… uno schifo!
    Come insegna la storia, la sinistra sarà responsabile dell’ennesima catastrofe!

  7. Nessuno mette in dubbio la bontà della sanità lombarda. Fortunatamente eravamo l’invidia in Italia e all’estero.
    Purtroppo, la pandemia covid 19 ha messo a nudo la completa incompetenza di chi governa questa regione da decenni, dalla sciagurata visione di investire sul privato e non del pubblico, la volontà di costruire maxi ospedali a discapito di piccole realtà che mai, come in questi periodi, potevamo essere indispensabili per alleggerire i grossi ospedali.
    Diciamo che tutta la Sanità va rivista a livelli nazionale e regionale. Sono stati fatti tanti, troppi errori a discapito dei cittadini.
    Una dimostrazione la regione Lombardia ha fatto l’ennesimo buco nell’acqua sul versante vaccinazione antinfluenzale. Manco dosi, non si sa cosa fare, i medici di base barcollando nel buio…
    Di questa situazione ne è responsabile la Regione e di chi ci governa.
    Grande la competenza e la professionalità di chi opera nella sanità lombarda, da censurare e sostituire chi guida questa meravigliosa macchina. I due guidatori viaggiano con la P da principianti allo sbaraglio.
    Per una volta fatevi un serio esame di coscienza, una volta fatta e inseriti i dovuti correttivi, insieme faremo la guerra allo Stato centrale. Bisogna essere responsabili e corretti in questo momento difficile per tutti noi

    • La sanità va tolta alle regioni, soprattutto alla Lombardia che ha ucciso l’ospedale di Sarono che funzionava bene per favorire realtà che portavano loro più voti.
      Lega e Formigoni sono i colpevoli, finchè vivrò non finirò mai di dirlo.

  8. Polemiche pretestuose:
    – secondo me la percentuale di tamponi positivi è inutile, conta molto di più il numero dei positivi rispetto agli abitanti o rispetto ai posti in terapia intensiva;
    – conta molto la densità di popolazione: il rischio di assembramenti e quindi di impennate del contagio è sicuramente più alto qui che in Molise;
    – il fatto di essere in zona rossa, comunque con limitazioni più blande della libertà individuale e alla aziende, rispetto a marzo, va visto come forma di protezione verso la popolazione;
    – come cittadino lombardo mai mi sono sentito accusato di essere un untore; se la popolazione lombarda deve sentirsi accusata di qualcosa è di aver scelto i propri amministratori basandosi sulla bandiera politica invece che sulla competenza;
    – fare appello all’unità dopo aver lanciato accuse pretestuose è a dir poco fuori luogo.

  9. Basta vedere il numero dei morti, tutto il resto è noia.
    Ma che sostegno vuoi dare, se non ci sono neanche i vaccini a antiinfluenzali.
    Per favore, usiamo il cervello.

  10. ma basta cavolate finitela di difendere l’indifendibile. fontana è inadeguato al ruolo che ricopre. insieme al suo amico gallera sta rovinando la sanità lombarda e cerca di colpevolizzare gli altri. si deve dimettere, pensa solo ai suoi interessi

  11. Provate a contare i morti e le persone in terapia intensiva. Tutto il resto è solo propaganda politica ridicola.
    Dove sono i vaccini anti influenzali?

  12. Esempio lampante del perché stiamo assistendo alla Caporetto sanitaria della Lombardia: siamo governati da persone che non si rendono conto della situazione.

    Indecenti.

  13. Speriamo che con il prossimo dpcm ci sia anche un disegnino almeno non ci sarà la scusa per qualche politicante di non capire il perchè alcune regioni sono rosse e altre no .

Comments are closed.