MILANO – “In tutta la Lombardia bisognerebbe sospendere le zone a traffico limitato (Ztl), partendo dalle grandi città come Brescia che non hanno ancora provveduto a farlo, per favorire il servizio di asporto e la vendita diretta di ristoranti ed esercizi commerciali”. Lo sostiene l’assessore all’Agricoltura, alimentazione e sistemi verdi di Regione Lombardia, Fabio Rolfi.

A Saronno c’è la Ztl più grande della provincia di Varese.

Ristoranti, bar e pizzerie: migliaia di posti di lavoro – “In Lombardia – ricorda Rolfi – abbiamo oltre 50.000 ristoranti, bar e pizzerie che danno lavoro a decine di migliaia di persone. La chiusura di questi esercizi, imposta dal Dpcm del Governo e dall’ordinanza del ministero della Salute, porta nella nostra regione un danno economico da 1 miliardo di euro al mese”.

Favorire possibilità di vendita semplificando e agevolando – “Per questo – spiega l’assessore – è necessario favorire le poche possibilità che hanno di vendere i loro prodotti, in attesa delle promesse di risarcimento dei Decreti ristoro. Bisogna aiutarli nel loro lavoro, semplificando e agevolando, nel pieno rispetto delle misure adottate”.

Ztl in questa condizione difficilmente comprendibili, vessazione – “Le Ztl in queste condizioni – rincara Rolfi – oggi sono incomprensibili, una vessazione inutile per categorie che sono già in seria difficoltà”

Colpita tutta la filiera agro-alimentare – “A tutto questo va aggiunto che la chiusura di bar e ristoranti porta gravi danni a tutta la filiera agroalimentare. Per questo semplificare le regole e gli spostamenti a chi vuole legittimamente acquistare cibo da asporto può essere una opportunità per tutti: produttori, trasformatori e consumatori” conclude Rolfi.

07112020

7 Commenti

  1. AIROLDI!!!!!
    Noi siamo più che favorevoli!!!
    E Lei cosa ne dice di questa proposta, unitamente a quella di sospendere il pagamento dei parcheggi a pagamento?
    Ci faccia sapere e lo dica anche ai cittadini.
    Grazie.

    • Senta sig. AIROLDI!, è ora di finirla con questo tono d’accusa, un po’ di rispetto!
      Nel merito, mi sembra la solita proposta leghista del “tanto peggio tanto meglio” : inutile, bocciata.

    • Non accusiamo nessuno (AIROLDI!!!!) e tanto meno ci permettiamo di commentare nel merito il suo (anonimo) fazioso commento.
      Una sola precisazione sul suo “tanto peggio” almeno noi facciamo proposte anche se lei le cassa a prescindere senza valida motivazione perché non presentate dal “suo” Sindaco Airoldi, nel qual caso sarebbero state sicuramente utili e promosse

  2. Ma chi dovrebbe andare in auto nella ZTL per ritirare il pranzo? Andiamo a prenderlo nei ristoranti vicino a casa per dare un aiuto diffuso sul territorio … e quindi chi sta nella ZTL o lì vicino NON necessita dell’auto per arrivarci …. soprattutto a Saronno … 1) state a casa 2) andate a piedi …. mi sembra l’ulteriore polemica politica dei rosiconi che non si rassegnano al cambio di amministrazione! Quando proporrete idee ragionate potrete avere sostegno … cosi fate solo ridere!

  3. Il tono imperioso di alcuni commenti che esortano il Sindaco a prendere delle iniziative nel merito della ZTL è strumentale ed inefficace. Chi opera in questa area è già in possesso di un permesso comunale di circolazione, mentre chi dovrà consegnare in quella zona ai privati ed è privo di permesso, si dovrà attivare per averlo senza ostacoli burocratici.

Comments are closed.