SARONNO – L’Everesting è considerata “the most difficult climbing challenge in the World”, una prova unica nel suo genere: percorrere salite su salite in bicicletta fino a quando non si raggiungono 8.848 metri di salita, ovvero l’altezza del Monte Everest, la montagna più alta del mondo.

Poche e semplici le regole: bisogna farlo in un solo tentativo; seguire un unico percorso su un’unica collina/montagna; sono ammesse delle pause, ma non è permesso dormire e tipicamente un tentativo impiega parecchie ore. Non un tranquillo giro in bicicletta, ma una battaglia di resistenza fisica e soprattutto mentale che richiede dedizione, concentrazione, allenamento e perseveranza.

Una sfida che non ha spaventato Massimiliano Guzzetti, l’atleta ex triathlon Saronno, già Ironman Finisher e con la passione per la bicicletta, ne la Concessionaria Bmw Sarma che ha supportato l’iniziativa fornendo l’assistenza di una vettura completamente elettrica, la nuova Bmw i3s.

La prova è iniziata nella notte di venerdì 6 novembre, prima ancora dell’alba, per terminare a sera inoltrata, in condizioni meteo non sempre perfette, con qualche ora di nebbia e le basse temperature, che soprattutto in vetta erano di pochi gradi sopra lo zero.

Teatro dell’impresa è stato il percorso lungo circa 12 chilometri che inizia da Bellagio, la perla del Lago di Como, fino alla località San Primo – Monte San Primo. L’ascesa è inizia sulla mitica salita del Ghisallo (CO) per poi deviare poco prima il centro abitato di Civenna e scoprire una delle più belle valli della Valassina; la piccola valle di Guello, poi per Piano Rancio e infine la partenza degli impianti da sci fino a quota 1.200 mt circa.In totale sono state n.10 le ascese necessarie per completare l’impresa, per un totale di 228 km, che sono stati percorsi in 16 ore e 11 minuti.

Guzzetti ha così commentato: “E’ stata un’esperienza incredibile. Un lungo viaggio iniziato oltre tre mesi fa con allenamenti intensi e uscite in bici dall’alba al tramonto inoltrato. Migliaia di chilometri pedalati e migliaia e migliaia di metri di dislivello positivo superato in allenamento.” Ma anche un lavoro mentale eccezionale: “Ho dovuto percorre questa salita nella mia mente decine e decine di volte prima di trovare la giusta motivazione per arrivare fino in fondo”

Fondamentale è stato l’aiuto di un mentor d’eccezione. L’ex ciclista Claudio Chiappucci, El Diablo, già vincitore della Milano-Sanremo nel 91 e di alcune tappe sia al Tour de France che al Giro d’Italia, un campione che di “salita” se ne intende, ha infatti motivato e consigliato l’atleta. “Claudio è stato un modello di grinta e tenacia. Mi ha supportato nei preparativi e ha anche percorso accanto a me una salita. Nei momenti più difficili, quando le gambe cominciavano a venire meno, ho trovato dentro di me le ultime energie ripetendo come un mantra le sua parole: never give up!“

Ma questo è stato un evento che è andato oltre il gesto atletico e che rappresenta simbolicamente una sfida alla mobilità sostenibile.
Da una parte la bicicletta, mezzo ecologico per eccellenza azionato dalla forza dell’uomo e dall’altra i veicoli elettrici BMW di nuova generazione, rappresentati qui dalla nuova BMW i3s, che hanno misurato le proprie prestazioni nella stessa arena.

Forte il messaggio che la concessionaria Sarma ha lanciato agli scettici dell’auto elettrica: la BMW i3s con la propria autonomia è stata in grado di assistere l’atleta per tutta la durata della sua prestazione e può a pieno titolo defenirsi la prima vettura elettrica che conquista l’Everesting! Sull’onda dell’entusiasmo successivo della realizzazione di questo evento, offrirà uno speciale Test Drive su tutta la Gamma elettrica BMWi e dedicato a tutti i clienti e non, che ne faranno richiesta.