SARONNO – Con l’obiettivo di effettuare una prevenzione anti-Covid più efficace, l’Amministrazione Comunale, dopo essersi consultata con il comando della polizia locale che ha verificato l’esistenza di persistenti assembramenti, ha deciso di chiudere temporaneamente i seguenti parchi:
– Via VARESE (Parco ex-Seminario)
– Via CARLO PORTA (Parco Salvo D’Acquisto)
– P.zza UNITA’ d’ITALIA (Parco De’ Rocchi)
– Via F.lli CERVI (Parco Il Gabbiano)
– Via F. REINA
– Via Da VINCI (Skate Park)

Restano invece disponibili all’accesso dei cittadini che volessero praticare attività motoria, nei termini previsti dall’attuale DPCM, i parchi collocati nelle seguenti vie:
– Via 1° MAGGIO
– Via IV NOVEMBRE
– Via XXIV MAGGIO
– Via AMENDOLA / F.LLI ROSSSELLI
– Via AVOGADRO / Via F.LLI CERVI
– Via BELLAVITA / Via AMBROGIO LEGNANI
– Via BIFFI (Club House)
– Via BOCCACCIO
– Via BRIANZA
– Via BURASCHI
– Via DALMAZIA / via QUARNARO
– Via D’ANNUNZIO (Parco degli Alpini)
– Via L. Da VINCI
– Via DONATI
– Via EINSTEIN
– Via FERRARI/DA VINCI
– Via GOBETTI
– Via GRASSI
– Via KING
– Via MARX
– Via Don MINZONI
– Via MONTE SANTO
– Via PARINI – CATTANEO
– Via PETRARCA (Parco L’Aquilone)
– Via PIAVE – M.te GRAPPA (dietro ex-Bocciodromo)
– Via PIO XI
– Via POZZO
– Via PADRE REINA
– Via RADICE
– Via ROMA
– Via S. DALMAZIO
– Via S. SOLUTORE
– Via S. SOLUTORE / Via SORELLE LUCINI
– Viale del SANTUARIO (parco della Biblioteca)
– Via SELLA
– Via TOTI
– Via VALGANNA
– Via VISCONTI / PARINI

Si ricorda che l’attività motoria è consentita solo nelle immediate vicinanze della propria abitazione e richiede sempre l’uso della mascherina. Inoltre, sono vietati tutti gli assembramenti. Per questo, invitiamo i cittadini a utilizzare gli spazi di verde pubblico esclusivamente in prossimità della propria residenza con l’indicazione di non stazionarvi.

ESEMPI:
– È consentito fare una passeggiata nel parco sotto casa.
– Non è consentito attraversare la città per andare al parco del Lura.

La Polizia Locale effettuerà i controlli ed eleverà le sanzioni del caso.
Siamo ben consapevoli del disagio provocato dalle restrizioni imposte dal DPCM. Invitiamo tuttavia con fermezza i saronnesi al rispetto delle regole di distanziamento e protezione, confermando che lavoreremo affinché tutti i provvedimenti di divieto possano durare lo stretto necessario per contenere l’aumento dei contagi che sta purtroppo colpendo il nostro territorio.

9 Commenti

  1. complimenti, il parco quasi sempre vuoto di via F.Reina chiuso, quindi i bambini della zona e i 4 anziani che lo frequentano chiusi in casa, bravi

    • É cosí, purtroppo. Chi si radunava nei parchi, consapevole che avrebbe potuto prendere una multa e certo, date le dichiarazioni pubbliche, che non l avrebbe mai presa perche l amministrazione non vuole gravare sulle tasche della popolazione, contunuerá a radunarsi altrove e a non prendere multe. E bambini e anziani chiusi in casa a sperare che tutto questo passi in fretta.

  2. Se si chiude il parco de rocchi , quello di via carlo porta e quello di via f.reina è proprio vero che non avete proprio voglia di controllare il territorio…. ma in che mani siamo caduti ? Dalla padella alla brace !!

  3. Abbiamo un RT che super il 2, il più alto d’Italia, gli ospedali al collasso, centinaia di contagiati anche in paesi piccolissimi e la gente si lamenta perché chiudono sei parchi.

    Bisognerebbe chiuderli con certa gente dentro, così prendiamo due piccioni con una fava.

  4. Fagioli cosa stai facendo?
    Ah no, non c’è più lui…e ora a chi si da la colpa, al governo ci siamo noi, in comune ci siamo noi, le province non contano più nulla….bene c’è la regione!
    Fontana cosa stai facendo?
    Solite ipocrisie sinistre

  5. Oggi a Saronno nuovi 100 contagiati covid, vediamo chi si lamenta per alcuni parchi chiusi per evitare assembramenti.

  6. Ieri in corso Italia la quantità di gente ferma a chiacchierare era notevole. Vogliamo dare la colpa ai parchi dove ho sempre visto bambini piccoli correre ben distanziati ? Lasciate aperto almeno il parco Carlo Porta, quello è controllabile dall’esterno. Le modalità di lockdown sono differenti da marzo. Anche nelle grandi città i parchi restano aperti, proprio perché il benessere fisico passa anche da quello psichico.

Comments are closed.