SARONNO – A seguito del recente Decreto n.12335 reso pubblico da Regione Lombardia nei giorni scorsi e avente in oggetto “l’assegnazione del contributo regionale a fondo perduto in conto capitale alle domande presentate sul Bando Impianti
Sportivi 2020 (d.d.u.o. 8243/2020), per la riqualificazione e valorizzazione dell’impiantistica
sportiva di proprietà pubblica sul territorio lombardo”, Saronno Servizi conferma di essere stata selezionata per il conseguimento di un finanziamento a fondo perduto
del valore di 150.000,00 euro a seguito della validità del progetto presentato durante
il mese di ottobre 2020.
Il bando Regionale per lo Sport voluto da Regione Lombardia prevede due linee di interventi:
• la Linea 1 (“Covid-19”) che prevede esclusivamente interventi caratterizzati da
urgenza ed indifferibilità per la ripresa dell’attività sportiva, in conseguenza
all’emergenza sanitaria Covid-19, e rivolti all’adeguamento delle strutture e degli
spazi dell’impianto sportivo alle norme di sicurezza o all’acquisto di macchinari per la
ripresa e svolgimento in sicurezza delle attività sportive, sia per i lavoratori, sia per i
clienti / utenti, sia per i fornitori;
• la Linea 2 (“Altri interventi”) che prevede interventi relativi a differenti punti: a) realizzazione di nuovi impianti sportivi; b) ampliamento di impianti sportivi esistenti;
c) riqualificazione di impianti sportivi esistenti: recupero funzionale, ristrutturazione,
manutenzione straordinaria, abbattimento delle barriere architettoniche, miglioramento sismico, efficientamento energetico, messa a norma e messa in
sicurezza; interventi in conseguenza all’emergenza sanitaria COVID-19;

Il progetto presentato da Saronno Servizi è stato selezionato da Regione Lombardia
in quanto non solo rispondente ai requisiti specifici tecnici richiesti e in linea con le modalità
di assegnazione delle risorse economiche disponibili, ma anche per la bontà degli interventi
presentati: su 176 domande inoltrate dalle società sportive su tutto il territorio lombardo,
meno del 50% di queste sono state ritenute idonee.
Ricordando che le strutture sportive di gestione di Saronno Servizi Ssd sono state
fin da subito messe a norma rispetto alle normative di sicurezza per il contenimento
del contagio da Covid-19 – adempiendo a tutti gli obblighi previsti dai Dpcm resi pubblici
durante le differenti fasi della pandemia – la Direzione di Saronno Servizi ha intenzione
di utilizzare le risorse conseguite per interventi di qualificazione ulteriore degli
impianti di propria gestione, al fine di garantire un’efficienza e una sicurezza ancora
maggiore alla riapertura degli impianti e per gli anni a venire.
In particolare le risorse economiche rese disponibili verranno utilizzate da Saronno Servizi
Ssd per il miglioramento degli impianti di via Miola 5 su tre aree di intervento principali:
• sicurezza: verranno effettuati interventi al sottotetto della struttura per migliorare la
sicurezza complessiva dell’edificio;
•accessibilità e aereazione: verranno effettuati interventi migliorativi all’area degli spalti
al fine di garantire una migliore accessibilità da parte del pubblico alle sedute in tribuna
e un miglior ricambio d’aria complessiva;
• risparmio energetico: verrà migliorata l’efficienza energetica dell’impianto
natatorio con un conseguente risparmio nel consumo di gas elettrico mediante la
ridistribuzione degli spazi interni.
Tali interventi consentiranno a Saronno Servizi di conseguire il certificato Cpi
(Certificato di Prevenzione Incendi).
Il periodo di nuova chiusura delle attività sportive imposto dal Dcpm che entrerà in vigore da
oggi stesso, verrà utilizzato dalla Direzione per portare avanti la fase di avviamento di questi
interventi importanti.

(foto d’archivio)

10112020

1 commento

  1. Tutto perfetto nell’articolo, eccetto la foto che può forviare l’idea che la Saronno Servizi sia “anche” il Comune, ma sapiamo che non è cos’ì.

Comments are closed.