SARONNO – “Alla Sagra di Sant’Antonio di Saronno mancano poco più di 2 mesi, inutile ricordare cosa è successo nelle scorse edizioni, Animali esposti in gabbie minuscole, messi alla gogna dai visitatori, altri fatti sfilare tra il pubblico urlante. Oggi il nostro leader, Paolo Mocavero, ha spedito una pec al primo cittadino di Saronno, chiedendo un incontro nei prossimo giorni. Noi di Centopercentoanimalisti abbiamo fiducia in Augusto Airoldi, persona che riteniamo sensibile a queste tematiche“. Lo si legge in un comunicato dell’associazione.

Questa la email inviata al sindaco Augusto Airoldi

Egregio signor sindaco Augusto Airoldi,

in qualità di responsabile del Movimento Centopercentoanimalisti, con la presente le chiedo cortesemente un incontro per argomentare circa l’utilizzo degli animali che sono esposti e per quelli utilizzati nel corteo della rievocazione storica, nei giorni della sagra di Sant’Antonio a Saronno. Manifestazione che si svolge nel mese di gennaio come tradizione. L’utilizzo degli animali, secondo la sensibilità sempre più diffusa nell’opinione pubblica e animalista, è ormai anacronistico. Rimango in attesa di un suo gentile riscontro.

Distinti saluti
Paolo Mocavero

Responsabile Movimento Centopercentoanimalisti

(foto archivio: contestazione animalista in una precedente edizione della Sagra di Sant’Antonio)

12112020

8 Commenti

  1. Ma basta, quest’anno per il covid non ci sarà nulla, e voi non avete più senso di esistere.

    • Grazie, mi hai fatto vincere una scommessa. Arriverà il solito anonimo a scrivere il suo commento inutile? Vinto! :-))))

  2. Considerata la situazione che stiamo vivendo, mi auguro che si abbia il buon senso di non organizzare nulla per il 2021!

  3. Visto il periodo, con la presenza del virus, gli animali chiusi in gabbia saremo noi. In questo modo la richiesta è superata e non sussisterà alcun motivo per protestare ma di usare il buon senso.

  4. Ma scusate…. nessuno di voi si ricorda com’era felice da piccolo quando vedeva gli animali? E nelle sagre no, nelle fiere no, allo zoo no,…. e dove glieli fare vedere? In tv? Sui libri??? Ma che tristezza…. Poi tutti questi maltrattamenti onestamente non li ho mai visti.

Comments are closed.