SARONNO – Ha suscitato un vivace dibattito in città la scelta di un commercianti, raccontata sui gruppi Facebook “Sei di Saronno se…” e “Sei di Saronno oggi…” di rinunciare alle luminarie per investire i fondi in iniziative di solidarietà.

Questo il messaggio pubblicato. “Ciao a tutti, stante che in questo anno difficile nel periodo natalizio, Revovio non sosterrà costi per allestire la vetrina del proprio negozio nè sosterrà per le luminarie poste lungo le vie della città (i costi sono a carico dei commercianti). Vi scrivo per chiedervi se qualcuno conosce qualche famiglia (anche single) in Saronno che in questo momento si trova in difficoltà economica causa covid, che ha perso lavoro, fa fatica ad arrivare a fine mese. Ripeto persone con effettive difficoltà sorte in questo momento non per loro scelta. Relovio vorrebbe così contribuire a rendere questo momento un pò meno difficile. Scrivetemi in privato per favore. Grazie di cuore”.

E il primo aiuto è arrivato subito a destinazione nella giornata di ieri ad una persona conosciuta tramite “Sei di Saronno oggi”

Questa è la prima persona che abbiamo aiutato. E voglio sottolineare che questa persona l’abbiamo conosciuta tramite questa pagina, e tramite persone di cuore che ci hanno indirizzato a lei!
Per chi vuole puo passare in negozio a donare anche un solo euro abbiamo aperto un salvadanaio dove chiunque può venire e lasciare una piccola offerta. Più persone siamo, piu persone possiamo aiutare. Delle critiche ce ne freghiamo. Questa persona e stata aiutata con i miei soldi personali e quelli di mio padre, nessuna pubblicità.
La gente che non sa riconoscerne il valore può continuare a parlare, i fatti solo quelli che contano!

5 Commenti

  1. un plauso per questa buona iniziativa. grazie a questo commerciante. delle luminarie questo anno possiamo anche farne a meno

    • Piuttosto che utilizzare i soldi per le luminarie è meglio darli a chi ne ha di bisogno ma se si riuscisse a fare tutte e due le cose sarebbe meglio perché già la situazione è abbastanza triste così.
      Le luminarie potrebbero tirare su un po’ la gente.

  2. Condivido in pieno l’iniziativa e trovo molto interessante spostare soldi messi a bilancio per le luminarie a persone che hanno decisamente grossi problemi economici.

    Ritengo altresì, che tale mancanza degli addobbi natalizi, possa essere realizzata dal Comune stesso, magari affiancato da qualche sponsor, per ringraziare tutti i Saronnesi che, causa coronavirus-19, hanno trascorso un brutto anno e dare così un segno di luce, colore e speranza per l’anno 2021 in arrivo. se ciò non fosse possibile, causa bilanci negativi presso il comune, noi tutti, con le nostre piccole o grosse possibilità cercheremo di rallegrare, nel meglio possibile, queste tristi, buie e paurose giornate di novembre e dicembre.

    Siamo in guerra….insieme vinceremo ne sono convinto.

  3. Bisogna anche dire che il commerciante in questione, quando con la sua attività era in un’altra via, non ha mai contribuito x le illuminarie. Comunque resto sempre più convinto che il Comune debba farsi carico degli addobbi natalizi.

Comments are closed.