SARONNO – “Dall’inizio dell’emergenza Coronavirus Meditel ha collaborato con gli operatori e le strutture sanitarie del territorio per affrontare la pandemia, garantendo costantemente l’erogazione delle prestazioni sanitarie a favore dei cittadini del distretto Saronnese”.

Inizia così la nota condivisa dal centro medico polispecialistico di via Alliata.

“In questo periodo di grande emergenza tutte le persone che operano in Meditel stanno facendo enormi sforzi per rispondere alla crescente mole di richieste alle quali siamo quotidianamente sottoposti.
In particolare il personale di accettazione che, pur in condizioni sempre più gravose, risponde sempre col massimo impegno alle domande dei pazienti: negli ultimi mesi abbiamo infatti riscontrato un forte aumento di richieste di tantissime prestazioni specialistiche.

Le attuali criticità riguardanti l’ospedale cittadino, struttura indispensabile per il nostro territorio, con cui Meditel è sempre stata disponibile a collaborare, coinvolgono ancor di più tutti in un momento così difficile.

Per l’emergenza Covid, Meditel si è preparata a contingentare i flussi e a controllare gli accesi alle sale di attesa ed ha potenziato il suo organico per rispondere al numero crescente di richieste di prestazioni da parte dei cittadini, gestendo ogni giorno circa 1.600 richieste di prenotazioni via web, App e telefono, con non poche difficoltà, nonostante i numerosi addetti dedicati.

Meditel è una struttura che eroga un servizio pubblico: cerca di rendere le prestazioni sanitarie accessibili a tutte le fasce della popolazione garantendo tempi rapidi, alto grado di professionalità e minor costo possibile.

Purtroppo il contratto con il Servizio Sanitario Nazionale concede a Meditel un budget limitato, rendendo quindi molto difficile rispondere a tutte le richieste di prestazioni in regime convenzionato. Meditel ha cercato di ovviare al problema introducendo Sanipass, la tessera che permette di accedere alla quasi totalità dei servizi sanitari con tariffe di poco superiori al ticket, ma ci rendiamo conto che ciò non è ancora abbastanza.

Gli spazi a disposizione di Meditel purtroppo non sono più sufficienti per rispondere in modo rapido e qualitativamente appropriato alle richieste del territorio. Inoltre, l’attuale contingenza ha aggravato la situazione, costringendo Meditel a riconvertire alcune aree delle proprie sedi per l’esecuzione di prestazioni dedicate a pazienti sospetti Covid, sviluppando appositi percorsi in accordo con Ats e installando tendoni all’interno dei propri cortili per consentire l’esecuzione di tamponi.

Purtroppo lo spostamento di Meditel in una nuova sede che possa garantire una migliore fruibilità della struttura (ampi parcheggi, spazi accettazione e ambulatoriali più agevoli) ha subìto un rallentamento non dipendente da proprie responsabilità, ma stiamo facendo il massimo per accelerare questo processo.

Come realtà e missione sanitaria Meditel ha per obiettivo primario la salute dei cittadini, dei dipendenti e dei professionisti che vi operano, ai quali, in questo difficile momento, va il nostro ringraziamento e la nostra riconoscenza per quanto stanno facendo con grande impegno ed abnegazione. Ringraziamento e riconoscenza che estendiamo a tutto il personale sanitario e ai volontari che in questo momento stanno facendo l’impossibile negli ospedali, da Saronno a tutto il Paese.
Meditel continuerà a dare il suo totale ed incondizionato contributo al territorio, offrendo come sempre collaborazione e professionalità per fronteggiare questa nuova seconda ondata pandemica.

1 commento

Comments are closed.