SARONNO – Accanto ai normali controlli sull’attività commerciali, per garantire il rispetto delle norme di tutela dei consumatori, il reparto annona della polizia locale sta realizzando una serie di accertamenti ad hoc per verificare il rispetto delle norme anticovid imposte per cercare di fermare o arginare il contagio.

Proprio su questo fronte è arrivata una sanzione ad un negozio di parrucchiere con sede a ridosso del centro storico. L’accertamento è stato realizzato dalla polizia locale lo scorso fine settimana. L’attività pur rispettando l’obbligo di uso dei dispositivi di protezione personale e l’utilizzo degli appuntamenti per l’accesso dei clienti non aveva il registro delle presenze i cui dati devono essere conservati per 15 giorni. Per questo è stata sanzionata con un verbale da 400 euro. Non solo, nel corso dell’accertamento, si è scoperto che l’attività non aveva il direttore tecnico e per questo è arrivata una multa da 500 euro. Entrambe le sanzioni si dimezzeranno se saranno saldate entro 5 giorni.

(foto archivio)

26112020

16 Commenti

  1. Ma la moral suasion non vale per gli imprenditori saronnesi che sono già in ginocchio? Vale solo per i venti ragazzi che si ritrovano senza mascherina, i cui poveri genitori, altrimenti si troverebbero a pagare una multa troppo salata per il periodo che stiamo vivendo?

    Se volete fare le multe agli esercenti che non rispettano le regole va benissimo ma, per favore, annunciate che non ci sarà più nessuna moral suasion perché gli unici che ne stanno facendo le spese sono gli imprenditori saronnesi.

  2. Vergognaaaaa, state facendo morire l’economia! Ecco cosa è capace di fare questo sindaco, multe e video, chiacchiere e multe. Complimenti a chi lo ha votato.

  3. BENE chi non rispetta le norme di prevenzione è complice dei problemi che il virus ci sta arrecando!

  4. Ma non è possibile, che si faccia questo, già abbiamo grossi problemi, ora dico registro clienti, saranno i scontrini fiscali, da quando i parrucchieri devono tenere il registro dei clienti?? Fare un richiamo??? Come primo avviso?? Tengo a precisare che troppo facile fare le multe con questo sistema, e poi chiudono gli occhi dove a loro interessa!!!!!

    • Norme di profilassi per contagi ecc.
      Chi non adempie alle misure è complice dei problemi che il covid sta causando!

  5. Ma sui furti nelle scuole, ma le telecamere non ci sono? La prima cosa da fare!!!! Esterne ed interne, altrimenti saremo sempre a dire dei furti!!!!!

  6. Che schifo! Invece di dare la caccia ai criminali, controllare l’ordine pubblico compresi tutti gli extra comunitari che sono in giro e fanno paura. No c’è la prendiamo con quelli già in ginocchio.
    La polizia locale ha paura dei criminali quindi se la prende con la gente onesta. Che schifo!

    • Caro Locatelli.
      La Polizia Locale fa anche quello, oggi chi non rispetta le norme covid va sanzionato, magari ci fossero ancora piu’ controlli. Sa in Lombardia abbiamo già dato piu’ di 21.000 morti!!!
      Le regole non valgono solo per gli altri!!! e nello specifico i parrucchieri lavorano, rispettino le NORME

  7. Quando sono in vigore regole precise, l’insofferenza tipica italiana allergica pone una ricerca esplicita per definirle pura vessazioni. Rispettare le regole è obbligo civile di tutti.

  8. Airoldi, tieni a bada i tuoi vigili sceriffo, sennò va a finire che la gente ti si rivolta contro

  9. Per la registrazione delle presenze nelle attività comemrciali (e non solo!) esiste un’app gratuita che si chiama Welcome Guest. Funziona se la scaricano esercenti e clienti.

Comments are closed.