ORIGGIO – Nel territorio comunale di Origgio è stata registrata la presenza di una delle discariche abusive al centro di un’operazione del Noe nel mondo del traffico illecito di rifiuti.

Oggi i carabinieri del Noe di Milano, collaborati dal comando provinciale carabinieri di Milano, hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di misura cautelare emessa dal giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Milano Alessandra Simion su richiesta della locale Procura della Repubblica nei confronti di un soggetto ritenuto responsabile, a vario titolo, di “attività organizzate per il traffico illecito di rifiuti”, “gestione di rifiuti non autorizzata” e “realizzazione di discariche abusive, queste ultime ubicate in Piemonte, Lombardia, Veneto e Friuli Venezia Giulia.

L’operazione – nel corso della quale sono stati sottoposti a sequestro due aziende unitamente al capitale sociale ammontante a circa 200.000 euro, provento dell’illecito profitto – si inserisce nell’ambito delle attività svolte lo scorso 20 ottobre 2020 con l’arresto di 15 indagati, il sequestro di 7 aziende operanti nel campo del trattamento dei rifiuti e di 9 capannoni industriali (in Piemonte, Lombardia, Veneto e Friuli Venezia Giulia), con vari automezzi – anche appartenenti a società di trasporto – utilizzati nelle attività criminali, per un importo complessivo di circa 6 milioni di euro.

Le attività investigative, condotte dal Nucleo Operativo Ecologico Carabinieri di Milano e coordinate dalla Dda di Milano hanno consentito di individuare l’esistenza di un gruppo criminale operante nel campo del trattamento e trasporto dei rifiuti, dedito alla gestione e smaltimento illecito di ingenti quantitativi di rifiuti – costituiti da rifiuti indifferenziati urbani, da produzioni industriali e artigianali nonché da rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche (Raee) stimati, nel complesso, in oltre 24.000 tonnellate da varie regioni del Nord Italia, attraverso lo stoccaggio ed il successivo abbandono in capannoni industriali dismessi, dando luogo, in tal modo, alla creazione di numerose discariche abusive, localizzate e sequestrate nei comuni di Milano, Lissone (MB), Origgio (VA), Lurate Caccivio (CO), Verona San Massimo, Pregnana Milanese (MI), Romentino (NO), Castellazzo Bormida (AL) e Mossa (GO).

Le indagini appena concluse hanno disvelato come il soggetto oggi tratto in arresto – una donna di 48 anni – abbia messo a disposizione dei propri sodali un impianto per il trattamento dei rifiuti sito in provincia di Varese e le autorizzazioni ad esso riferite per lo svolgimento delle attività di traffico illecito di rifiuti, contribuendo materialmente alla falsificazione ed alla tenuta della relativa documentazione ricevendone in cambio un illecito corrispettivo quantificato in circa 200 mila euro e trasformando di fatto l’impianto stesso in una discarica abusiva. Ulteriori accertamenti hanno messo in luce come l’arrestata fosse a capo non solo dell’azienda di trattamento rifiuti ma anche di un’altra società proprietaria del terreno su cui insiste il compendio aziendale, il tutto sottoposto a sequestro per un valore quantificato in un milione di euro.