SARONNO / LIMBIATE / VARESE / GALLARATE / BUSTO ARSIZIO / TRADATE – Il trend, in generale, è in discesa nel Varesotto ed anche nelle Groane ma non va abbassato la guardia, i casi restano tanti fra Limbiate, Saronno, Varese, Busto Arsizio, Tradate, Gallarate e non solo. I dati sono aggiornati al tardo pomeriggio di ieri.

Ecco il riepilogo con il numero di contagiati dall’inizio della pandemia, tra parentesi il dato di ieri:

Saronno: 2.074 (2.043)

Caronno Pertusella: 995 (983)

Origgio: 492 (482)

Cislago: 667 (663)

Gerenzano 675 (673)

Tradate: 919 (906)

Varese: 3.420 (3.388)

Busto Arsizio 3.996 (3.921)

Gallarate 2.562 (2.535)

Laveno Mombello 528 (524)

Malnate 941 (932)

Coquio Trevisago 311

Somma Lombardo 751 (743)

Nel Comasco:

Turate 526 (515)

Mozzate 492 (479)

Lomazzo 458 (446)

2400

In Brianza:

Limbiate 2.205 (2.184)

Cesano Maderno 2.010 (1.986)

Barlassina 369 (366)

Cogliate 535 (530)

Ceriano Laghetto 379 (367)

Lazzate 437 (427)

Misinto 316 (305)

Monza 5.923 (5.838)

Desio 2.251 (2.217)

Seregno 2.230 (2.197)

Lissone 2.333 (2.300)

Brugherio 1.715 (1.687)

Giussano 1.429 (1.405)

In Lombardia si abbassa ancora il rapporto percentuale tra i tamponi effettuati e i nuovi positivi, che cala al 12,8%. Infatti, sono 5.697 i nuovi positivi rilevati a fronte dei 44.231 tamponi effettuati. Salgono, però, i numeri dei decessi in Lombardia, ben 207.

Si conferma essere Milano la provincia più colpita dalla pandemia: su oltre 5.600 casi rilevati in Lombardia, 2.060 sono ospitati dal Milanese, di cui oltre mille nella città di Milano. Anche le province di Varese e Monza-Brianza si segnalano ancora come tra le più colpite: nel Varesotto, infatti, sono 559 i nuovi positivi, mentre Monza-Brianza vede 666 nuovi casi.


Per informazioni o per le richieste di aiuto riguardo all’emergenza coronavirus. Numero verde gratuito: in caso di sintomi influenzali o problemi respiratori 800894545. Evitare di utilizzare il numero 112 per non intasare le linee, lasciarlo libero per le emergenze sanitarie.

Informazioni generali: chiamare il 1500, numero di pubblica utilità attivato dal Ministero della Salute o telefonare al proprio medico di medicina generale o al pediatra.

(foto archivio: una immagine dell’ospedale “Galmarini” di Tradate)

27112020