MILANO – Attesa questo pomeriggio a decisione del Governo ma tutto fa pensare che da giovedì 3 dicembre la Lombardia passerà dalla Zona rossa alla Zona arancione, come chiesto ieri dal governatore lombardo Attilio Fontana (nella foto). Che lo ha anticipato poco fa in un tweet: “Grazia ai sacrifici dei lombardi, apprezzati i dati epidemiologici, ora siamo in zona arancione e potremo riaprire gli esercizi commerciali. A breve la decisione del Governo”.

Cosa cambierà per la gente? Sparisce l’autocertificazione per gli spostamenti all’interno del proprio comune di residenza ma resta vietato lasciare il proprio comune o la regione se non per urgenze, salute, studio o lavoro.

Restano chiusi bar, pub, pizzerie, ristoranti, gelaterie e pasticcerie ma il servizio di asporto è possibile sino alle 22 e la consegna a domicilio senza limiti orari. Possono riaprire gli estetisti, e saloni per tatuaggi.

La scuola: si tornerebbe con lezioni in presenza anche per seconda e terza media, ma con obbligo di mascherina. Per le superiori prosegue la didattica a distanza.

27112020

4 Commenti

  1. che lotta dura per ottenere questa grande conquista di poter girare all’interno del comune di residenza senza certificato …

  2. L’unica cosa di cui siamo certi per la Lombardia è che siamo arrivati a 21.200 morti per covid

  3. Già si parla di terza ondata questo è il metodo migliore per farla ,cosa non si fa per guadagnare qualche euro in piu
    d’altronde sta arrivando il natale 😨

Comments are closed.