CISLAGO – Ancora un colpo di scena in consiglio comunale. Ieri sera al sindaco Gianluigi Cartabia è mancata la maggioranza tanto che sette voti contrari ed un astenuto hanno bloccato la variazione di bilancio che dovrebbe essere approvata entro il 30 novembre. Una tempistica decisamente stretta che rende ancora più critica la situazione.

Ma facciamo un passo indietro. Negli ultimi mesi la maggioranza che sostiene il primo cittadino ha dovuto fare i conti con dimissioni, sia in Giunta sia in consiglio comunale, e con numeri diventati sempre più rosicati tanto da rendere necessiario il sostegno esterno di Fratelli d’Italia. Sono proprio questi i voti che ieri sera sono venuta a mancare. A sostenere la variazione di bilancio presentata dall’Amministrazione è rimasta solo la Lega. A votare contro oltre all’opposizione, ViviCislago e un’Idea per Cislago, anche Fratelli d’Italia che finora ha sostenuto la maggioranza. Astenuta l’ex vicesindaco Chiara Broli.

Una mancata approvazione a cui si aggiunge un duro affondo dei consiglieri di Vivicislago Deborah Pacchioni, Romina Codignoni e Claudio Franco: “ll sindaco si assuma una volta per tutte le sue responsabilità: la colpa è solo sua e di quei pochi che, rimasti al suo fianco, non hanno saputo governare come avrebbero dovuto e che, oggi, certamente, non hanno più i numeri per farlo”.

Altrettante dure le parole di Luciano Lista (FdI): “Ho scoperto alcune scorrettezze politiche ed etiche oltre a delle allocazioni di somme incomprensibili in un silenzio interrotto solo da arrampicate sugli specchi che non mi hanno convinto. Questa situazione mi ha costretto a prendere posizione anche per rispetto dei cittadini che hanno aspettative in questo momento difficile.
Tutto qui”.

Tra i punti che hanno scaldato gli animi i 6 mila euro per un incarico professionale e la gestione delle risorse sul capitolo di un bando andato deserto: “Ho chiesto al sindaco di assumersi la responsabilità per la sua incapacità politica e amministrativa. Non ho ritenuto di avallare il suo comportamento e alcune scelte. Direi che siamo ai titoli di coda”.

1 commento

  1. A dire il vero la maggioranza non c’era più da tempo; qualche vecchio alleato si è divertito per un anno a tenere il sindaco sulla corda per poi farlo cadere, il tutto a discapito dei cittadini che in questo periodo burrascoso sono stati lasciati in balia degli eventi…..

Comments are closed.