SARONNO – “Maradona? E’ stato il calcio” Così ieri mattina l’allenatore saronnese Antonio Sala, aveva guidato anche il Cagliari in serie A, ospite negli studi di piazza Libertà alla trasmissione sportiva “Match point”, condotta da Agostino Masini, dell’emittente comunitaria Radiorizzonti.

“E’ il calcio, per chi ha visto le sue gesta! E rispetto al football di oggi si nota la grande differenza di talento che Maradona possedeva. Sotto l’aspetto calcistico era eccezionale, aveva solo il mancino ma con il mancino faceva quello che voleva. Ha fatto cose che sono andate anche contro le leggi della fisica. La persona? Trasversale, anche in questo momento della sua scomparsa, ha però unito le tifoserie di tutte le squadre, tutti i ceti sociali, ed era una persona che si metteva sempre dalla parte dei deboli. Ma che sicuramente non ha saputo voler bene al proprio fisico ed ha pagato dazio per questo” a rimarcato Sala.

Ma oggi sarebbe stato in discussione da parte dei mister che chiedono sempre più “lavoro di squadra”? “Napoli con lui ha vinto 2 scudetti ed una coppa, si capisce la grandezza giocatore. In campo ti faceva vincere e quindi era tutto permesso. Determinava i risultati, penso che anche oggi non avrebbe avuto problemi” ha rimarcato il tecnico saronnese parlando del grande campione argentino scomparso a 60 anni nei giorni scorsi.

(foto archivio: al centro l’allenatore saronnese Antonio Sala)

01122020